Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it
Reumabase.it

Alta incidenza di epatite B ed epatite C non-diagnosticata nei pazienti affetti da cancro


I risultati del più ampio studio sulla prevalenza di epatite B e C e dell'infezione da HIV nei pazienti oncologici hanno mostrato un tasso elevato di epatite B e C, acuta e cronica, non-diagnosticata

I virus HBV e HCV possono causare complicanze potenzialmente fatali quando i pazienti con tumore vengono sottoposti ad alcuni trattamenti oncologici.

Lo studio S1204 è stato compiuto da ricercatori del SWOG Cancer Research Network, un gruppo internazionale finanziato dai National Cancer Institute ( NCI ), parte del National Institutes of Health ( NIH ). I risultati sono stati pubblicati su JAMA Oncology.

I ricercatori SWOG hanno scoperto che una parte consistente di pazienti con cancro di nuova diagnosi e con epatite B o C non erano a conoscenza della propria infezione virale.
Molti non avevano fattori di rischio identificabili per queste infezioni, come l'uso di droghe iniettabili.

I risultati hanno indicato che lo screening universale per l'epatite B o C nei Centri oncologici, consentirebbe ai pazienti di evitare l'insufficienza epatica, le malattie renali o altre complicanze da epatite.
I test universali aiuterebbero anche i medici a fare scelte più informate sui trattamenti contro il cancro, tra cui quelli che potrebbero causare la riattivazione e la diffusione dei virus dell'epatite, rendendo i malati di cancro ancora più malati.
Vi sono evidenze che le terapie anti-CD20, come il farmaco Rituximab, così come il trapianto di cellule ematopoietiche, entrambi i trattamenti per linfomi e leucemie, possono causare la riattivazione e la moltiplicazione di alcuni virus che causano infezioni.

Tra il 2013 e il 2017 sono stati arruolati 3.051 pazienti, che sono stati sottoposti a un semplice esame del sangue per verificare la presenza del virus HIV, così come la presenza del virus dell'epatite B e del virus dell'epatite C.
I pazienti vivevano in aree rurali e urbane ed erano in trattamento in 18 diversi ospedali universitari e di comunità, dal Montana al Massachusetts ( Stati Uniti ).
L'età media era di 60.6 anni, e il 60% dei partecipanti era di sesso femminile.
IL tumore alla mammella, i tumori ematologici, i tumori del colon-retto e del polmone erano i tumori più comuni tra i partecipanti.

I ricercatori hanno trovato che il 6.5% dei pazienti aveva avuto in passato epatite B, lo 0.6% epatite B cronica, il 2.4% epatite C e l'1.1% infezione da HIV; i tassi di infezione erano simili a quelli riscontrati nella popolazione generale degli Stati Uniti.

Un'alta percentuale di pazienti con infezioni da epatite B pregressa ( 87.3% ) e cronica ( 42.1% ) non era stata diagnosticata prima dello screening dello studio, così come per l'infezione da epatite C ( 31% ).
Non c'è stata evidenza di un numero elevato di infezioni da HIV non-diagnosticate, sebbene il 5.9% delle persone con HIV abbia avuto diagnosi nel corso dello studio.

Molti pazienti non presentavano fattori di rischio per le infezioni virali ( 27.4% per l'epatite B pregressa, 21.1% per l'epatite B cronica, 32.4% per l'epatite C e 20.6% con HIV ).

Dallo studio è emerso che lo screening per l'individuazione di infezioni virali può essere particolarmente importante con l'uso, sempre maggiore, delle immunoterapie oncologiche, trattamenti che possono influenzare il sistema immunitario dei malati tumorali e alterare il decorso delle infezioni virali.
Poco si sa sull'impatto delle immunoterapie sui pazienti con cancro ed epatite e altre infezioni virali. ( Xagena2019 )

Fonte: SWOG Cancer Research Network, 2019

Inf2019 Onco2019 Gastro2019



Indietro