Reumatologia
Gastroenterologia.net
OncoGinecologia.net
Ematologia.net

Sebbene coloro che fanno uso di statine ad alta intensità presentano un rischio maggiore di visite mediche correlate all'influenza dopo la vaccinazione, il rischio per gli utilizzatori di statine di b ...


Adolescenti e giovani adulti con il disturbo da deficit di attenzione e iperattività ( ADHD ) sono a più alto rischio di infezioni sessualmente trasmissibili più tardi nella vita rispetto a quelli sen ...


Il miglior trattamento disponibile contro Enterobacteriaceae produttori di carbapenemasi ( CPE ) è sconosciuto. È stato studiato l'effetto di una terapia appropriata e di una terapia combinata approp ...


E' stata effettuata una meta-analisi su 6.708 pazienti con infezioni respiratorie, arruolati in 26 studi effettuati in 12 Paesi. Da questa analisi è emerso che la procalcitonina, un biomarcatore i ...


E' stato riscontrato un sensibile aumento dei tassi di malattia di Parkinson nei pazienti con epatite B ed epatite C. Non è noto se l'associazione possa essere spiegata da fattori connessi all'infezi ...


L’aspergillosi polmonare ha decorsi variabili di malattia, gravità ed esiti a seconda delle condizioni di base. Ci sono dati limitati sulle manifestazioni cliniche e sull’esito della aspergillosi po ...


Anche se il virus dell'immunodeficienza umana ( HIV ) è un fattore di rischio per molte infezioni batteriche, l'associazione tra infezione da HIV e malattia meningococcica rimane non ben definita. ...


Uno studio ha mostrato che i pazienti con infezione da HIV ( virus dell'immunodeficienza umana ), che ricevono terapia antiretrovirale presentano un più alto rischio di linfoma non-Hodgkin se hanno un ...


L'emergere del virus Zika nelle Americhe ha coinciso con un aumento dei casi di bambini nati con microcefalia. Nel 2016, la World Health Organization ( WHO ) ha dichiarato che il legame sospetto tra ...


Il virus Zika sembra essere associato a ulteriori difetti alla nascita oltre alla microcefalia, tra cui morte fetale, insufficienza placentare, restrizioni alla crescita fetale e lesioni del sistema n ...


Appropriati antibiotici, somministrati in fase iniziale, sono essenziali per il trattamento delle malattie infettive. Tuttavia, alcuni pazienti con polmonite potrebbero sviluppare esiti negativi, pu ...


Quasi 900.000 persone negli Stati Uniti vivono con diagnosi di infezione da virus dell'immunodeficienza umana ( HIV ) e con conseguente aumento del rischio di cancro. Non è noto il numero totale di ...


L’enterovirus D68 ( EV-D68 ) è stato implicato in un focolaio diffuso di gravi malattie respiratorie negli Stati Uniti nel 2014 ed è anche stato riportato sporadicamente in pazienti con mielite flacci ...


I pazienti co-infettati con virus HIV e tubercolosi sono a rischio di sindrome infiammatoria da immunoricostituzione ( IRIS ) associata a tubercolosi e morte poco dopo l'inizio della terapia antiretro ...


Uno studio ha mostrato che i pazienti con tubercolosi ( infezione da Mycobacterium tuberculosis ) hanno presentato una maggiore abbondanza di un nuovo biomarcatore urinario, rispetto ai soggetti sani. ...