GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Antibiotici associati all'acquisizione di Pseudomonas aeruginosa resistente ai carbapenemi in terapia intensiva


I ceppi di Pseudomonas aeruginosa resistenti ai carbapenemi ( CRPA ) sono coinvolti in infezioni gravi, per lo più in Terapia intensiva.
L'esposizione ad antibiotici diversi dai carbapenemi può essere associata all'isolamento di CRPA; sono stati identificati quegli antibiotici usando un disegno dello studio caso-caso-controllo.

Nel 2015 è stato condotto uno studio caso-caso-controllo in una coorte multicentrica prospettica comprendente 1.808 adulti ospedalizzati nel 2009 in 10 reparti di Terapia intensiva francesi.
I pazienti sono stati sottoposti a screening per P. aeruginosa al momento del ricovero in terapia intensiva e poi settimanalmente. I casi erano pazienti con CRPA e pazienti con isolamento di P. aeruginosa (CSPA) sensibile ai carbapenemi.

I controlli erano pazienti senza isolamento di Pseudomonas aeruginosa ( CSPA ), abbinati a ciascun caso in base al centro, alla durata del ricovero e al periodo di ospedalizzazione.
Gli effetti dell'esposizione agli antibiotici sono stati esaminati dopo aggiustamento per il trattamento precedente con carbapenemi e fattori di confondimento comprendenti la pressione di colonizzazione in due modelli confrontati per identificare fattori di rischio specifici per l'isolamento di CRPA.

Sono stati confrontati 59 CRPA, 83 CSPA e 142 controlli.

Nelle analisi multivariate aggiustate, le esposizioni ai carbapenemi e agli antibiotici appartenenti al gruppo dei beta-lattamici inattivi contro Pseudomonas aeruginosa sono risultate fattori di rischio indipendenti per l'isolamento di CRPA ( odds ratio, OR, 1.205 e OR, 1.101, rispettivamente ).
Per contro, l'esposizione ai beta-lattamici attivi contro Pseudomonas aeruginosa era un fattore protettivo indipendente per l'isolamento di CSPA ( OR, 0.868 ).

Oltre all'esposizione ai carbapenemi, l'esposizione ai beta-lattamici inattivi contro Pseudomonas aeruginosa è un fattore di rischio specifico per l'isolamento di CRPA.
I medici dovrebbero controbilanciare i potenziali benefici della somministrazione di questi antibiotici con l'aumento del rischio di infezione da Pseudomonas aeruginosa resistenti ai carbapenemi. ( Xagena2019 )

Coppry M et al, J Antimicrob Chemother 2019; 74: 503-510

Inf2019 Farma2019


Indietro