GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Associazione della terapia con plasma convalescente con la sopravvivenza nei pazienti con tumori ematologici e COVID-19


COVID-19 è una malattia pericolosa per la vita per molti pazienti. Studi precedenti hanno stabilito che i tumori ematologici sono un fattore di rischio associato a esiti particolarmente sfavorevoli di COVID-19.

Ad oggi, nessuno studio ha stabilito un ruolo benefico degli interventi anti-COVID-19 in questa popolazione a rischio.
La terapia con plasma convalescente può giovare agli individui immunocompromessi con COVID-19, compresi quelli con tumori ematologici.

È stata valutata l'associazione del trattamento con plasma convalescente con la mortalità a 30 giorni negli adulti ospedalizzati con tumori ematologici e COVID-19 da una coorte multicentrica.

Uno studio di coorte retrospettivo ha utilizzato i dati del registro COVID-19 and Cancer Consortium con abbinamento per punteggio di propensione dei pazienti con neoplasie ematologiche che sono stati ricoverati in ospedale per COVID-19.
I dati sono stati raccolti tra il 17 marzo 2020 e il 21 gennaio 2021.

I pazienti sono stati sottoposti a trattamento con plasma convalescente in qualsiasi momento durante il ricovero.

L'esito principale era la mortalità per qualsiasi causa a 30 giorni.

Sono state condotte analisi di sottogruppi secondari su pazienti con forma grave di COVID-19 che richiedevano supporto ventilatorio meccanico e/o ricovero in Unità di terapia intensiva ( UTI ).

In questo studio sono stati valutati in totale 966 individui ( età media 65 anni; 539 maschi, 55.8% ); 143 riceventi plasma convalescente sono stati confrontati con 823 pazienti di controllo non-trattati.

Dopo aggiustamento per potenziali fattori confondenti, il trattamento con plasma convalescente è stato associato a un miglioramento della mortalità a 30 giorni ( hazard ratio, HR, 0.60 ). Questa associazione è rimasta significativa dopo l’abbinamento per punteggio di propensione ( HR, 0.52 ).

Tra i 338 pazienti ricoverati nell'Unità di terapia intensiva, la mortalità è stata significativamente più bassa nei riceventi plasma convalescente rispetto ai non-riceventi ( HR per il confronto abbinato per punteggio di propensione, 0.40 ).

Tra i 227 pazienti che necessitavano di supporto ventilatorio meccanico, la mortalità è risultata significativamente più bassa nei riceventi plasma convalescente rispetto ai non-riceventi ( HR per il confronto abbinato per punteggio di propensione, 0.32 ).

I risultati di questo studio di coorte hanno mostrato un potenziale beneficio di sopravvivenza con la somministrazione di plasma convalescente a pazienti con tumori ematologici e COVID-19. ( Xagena2021 )

Thompson MA et al, JAMA Oncol 2021; 7: 1167-1175

Onco2021 Emo2021 Inf2021 Med2021 Farma2021


Indietro