Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter
Mediexplorer.it

Associazione tra microcefalia, infezione da virus Zika e altri fattori di rischio


Un'epidemia di virus Zika è emersa nel nord-est del Brasile nel 2015 ed è stata seguita da un notevole aumento dei casi di microcefalia congenita, innescando una dichiarazione di emergenza sanitaria pubblica internazionale.

Questa è la relazione finale del primo studio caso-controllo che ha valutato le potenziali cause della microcefalia: infezione congenita da virus Zika, vaccini e larvicidi
Il rapporto preliminare pubblicato suggeriva una forte associazione tra microcefalia e infezione congenita da virus Zika.

È stato condotto uno studio caso-controllo in otto ospedali pubblici per la maternità a Recife, in Brasile.
I casi erano neonati nati con microcefalia, definiti come una circonferenza della testa di 2 DS al di sotto della media.
Due controlli senza microcefalia sono stati abbinati a ciascun caso per data prevista del parto e area di residenza.

È stato testato il siero di casi e controlli e il liquido cerebrospinale dei casi per il rilevamento dei genomi del virus Zika con RT-PCR quantitativa e per il rilevamento degli anticorpi IgM mediante ELISA per la cattura di IgM.
È stato anche testato il siero materno con il saggio di neutralizzazione tramite riduzione delle placche per il virus Zika e Dengue.

Sono stati esaminati i neonati nati nel 2016 e sono stati reclutati in modo prospettico 91 casi e 173 controlli.

In 32 casi ( 35% ), l'infezione congenita da virus Zika è stata confermata dal test di laboratorio e nessun controllo ha confermato le infezioni da virus Zika.

69 su 83 casi ( 83% ) con peso alla nascita noto erano piccoli per età gestazionale, rispetto a 8 su 173 controlli ( 5% ).

L'odds ratio ( OR ) complessivo è risultato pari a 73.1 per la microcefalia e l'infezione da virus Zika dopo aggiustamenti.

Né la vaccinazione durante la gravidanza né l'uso del larvicida Piriproxifene sono risultati associati a microcefalia.

I dati dei test di laboratorio per il virus Zika e di imaging cerebrale erano disponibili per 79 casi ( 87% ); in questi casi, 10 erano positivi per il virus Zika e presentavano anomalie cerebrali, 13 erano positivi per l'infezione da Zika ma non presentavano anomalie cerebrali, e 11 erano negativi per il virus Zika ma avevano anomalie cerebrali.

È stata confermata l'associazione tra microcefalia e infezione congenita da virus Zika ed è stata fornita evidenza dell'assenza di un effetto di altri potenziali fattori, come l'esposizione a Piriproxifene o vaccini ( tetano, difterite e pertosse acellulare, morbillo e rosolia, o morbillo, parotite e rosolia ) durante la gravidanza, confermando i risultati di un studio ecologico su Piriproxifene nel Pernambuco ( Stato del Brasile ), e studi precedenti sulla sicurezza della somministrazione del vaccino Tdap durante la gravidanza. ( Xagena2018 )

de Araújo TVB et al, Lancet Infect Dis 2018; 18: 328-336

Inf2018 Neuro2018



Indietro