Xagena Mappa
Medical Meeting
Xagena Salute
XagenaNewsletter

Biktarvy, un regime a base di Bictegravir, Emtricitabina e Tenofovir alafenamide, per il trattamento dell’infezione da HIV-1 in compresse da assumere una volta al giorno


L'Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ) ha aprpovato Biktarvy ( Bictegravir, Emtricitabina e Tenofovir alafenamide ), un regime a tre farmaci per il trattamento dell’infezione da HIV-1 in compresse da assumere una volta al giorno.

Biktarvy è una associazione di tre farmaci: Bictegravir, nuovo inibitore dell’integrasi che non necessita di booster e che è adatto alla somministrazione once a day, Tenofovir alafelamide ed Emtricitabina.
Tenofovir alafelamide ed Emtricitabina costituiscono la backbone therapy per l’HIV.

Il triplice regime è indicato per il trattamento degli adulti con infezione da HIV-1 senza anamnesi di terapia antiretrovirale ( ART ) o in sostituzione di un regime antiretrovirale in atto negli adulti che hanno ottenuto una soppressione virologica ( HIV-1 RNA inferiore a 50 copie per ml ) e che sono stati in terapia antiretrovirale stabile per almeno 3 mesi senza alcuna storia di fallimento del trattamento, e con nessuna sostituzione nota associata alla resistenza ai singoli componenti del farmaco.

Da quanto emerso dai risultati degli studi clinici di fase III, la combinazione di Bictegravir e Emtricitabina / Tenofovir alafenamide rappresenta un progresso nel trattamento con triplice terapia.
La combinazione di Bictegravir e Emtricitabina / Tenofovir alafenamide si è dimostrata non-inferiore rispetto a regimi standard di cura sia nel trattamento del paziente naive al trattamento che nelle persone che cambiano la terapia in presenza di una soppressione virale.

La nuova combinazione contiene Tenofovir alafenamide ( TAF ) al posto del Tenofovir disoproxil fumarato ( TDF ), riducendo l'incidenza di perdita di massa ossea e di problemi renali.
Tuttavia, la funzionalità renale dovrebbe essere valutata prima di iniziare la terapia con Biktarvy e monitorata regolarmente.
Non è necessario regolare il dosaggio di Biktarvy nelle persone con una clearance stimata di creatinina di 30 ml/min o valore superiore.
Nel corso degli studi clinici, nessun paziente ha sviluppato tubulopatia renale prossimale o sindrome di Fanconi, e nessuno ha interrotto il trattamento a causa di effetti collaterali a livello renale.

Le persone idonee per iniziare la terapia con Biktarvy dovrebbero essere preventivamente sottoposte a test per l'infezione da virus dell'epatite B ( HBV ), perché Tenofovir alafenamide è attivo anche contro il virus HBV, e interrompere il trattamento potrebbe causare riacutizzazioni di infiammazioni a carico del fegato.

Negli studi clinici della durata di 48 settimane, nessun paziente che ha assunto il regime Bictegravir più Emtricitabina / Tenofovir alafenamide ha sviluppato una resistenza al trattamento, risultati che sono stati osservati sia nelle persone naive alla terapia che in quelle che erano state virologicamente soppresse e che hanno scelto di cambiare regime.
Inoltre, i dati clinici hanno mostrato che l' efficacia antivirale del regime, il profilo di tollerabilità e le limitate interazioni farmacologiche offrono una nuova ed efficace opzione terapeutica per molte persone con infezione da HIV.

I quattro studi clinici di fase III che hanno valutato la combinazione a dose fissa Bictegravir, Emtricitabina e Tenofovir alafenamide ( BIC/FTC/ TAF ) hanno raggiunto l’endpoint primario per il trattamento dell'infezione da HIV-1 ( non-inferiorità verso Dolutegravir ).
Tre di questi studi, che hanno la durata di 196 settimane, sono stati progettati per valutare l'efficacia e la sicurezza del triplice regime BIC/FTC/TAF rispetto ai regimi contenenti Dolutegravir ( 50 mg ) tra i pazienti naive al trattamento ( Study 1489 e Study 1490 ) e tra i pazienti virologicamente soppressi che stanno passando da un regime antiretrovirale ( Study 1844 ).
Un quarto studio in pazienti virologicamente soppressi sta confrontando il passaggio a BIC/FTC/ TAF rispetto a rimanere su un regime soppressivo di due inibitori della trascrittasi inversa nucleosidica / nucleotidica e un inibitore della proteasi boosted ( Study 1878 ).
La combinazione BIC/FTC/TAF ha raggiunto la non-inferiorità rispetto a Dolutegravir in tutti e quattro gli studi.
In tutti gli studi il triplice regime BIC/FTC/TAF è risultato ben tollerato e nessun paziente ha interrotto il farmaco in studio a causa di eventi avversi a carico del rene.
Nessun paziente randomizzato ai bracci Bictegravir o Dolutegravir ha sviluppato resistenza emergente. ( Xagena2018 )

Fonte: Gilead, 2018

Inf2018 Farma2018


Indietro