Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Xagena Salute

Colchicina e combinazione di Rivaroxaban e Aspirina nei pazienti ospedalizzati con COVID-19: studio ACT


La malattia COVID-19 è accompagnata da una risposta immunitaria disregolata e ipercoagulabilità.
Lo studio ospedaliero ACT ( Anti-Coronavirus Therapies ) ha valutato la terapia antinfiammatoria con Colchicina e la terapia antitrombotica con la combinazione di Rivaroxaban ( Xarelto ) e Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) per la prevenzione della progressione della malattia nei pazienti ospedalizzati con COVID-19.

Lo studio ACT in regime di ricovero, in aperto, randomizzato e controllato è stato condotto in 62 centri clinici in 11 Paesi.
Pazienti di almeno 18 anni di età con COVID-19 sintomatico confermato in laboratorio entro 72 ore dal ricovero o in peggioramento clinico se già ricoverati sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Colchicina 1.2 mg seguita da 0.6 mg 2 ore dopo e poi 0.6 mg 2 volte al giorno per 28 giorni rispetto alle cure abituali; e in una seconda randomizzazione, alla combinazione di Rivaroxaban 2.5 mg 2 volte al giorno più Aspirina 100 mg una volta al giorno per 28 giorni rispetto alle cure abituali.
I ricercatori e i pazienti conoscevano l'assegnazione del trattamento.

L'esito primario, valutato a 45 giorni nella popolazione intent-to-treat ( ITT ), per la randomizzazione a Colchicina era il composito della necessità di Ossigeno ad alto flusso, ventilazione meccanica o morte; e per la randomizzazione a Rivaroxaban più Aspirina era il composito di trombosi maggiore ( infarto del miocardio, ictus, ischemia acuta degli arti o embolia polmonare ), necessità di Ossigeno ad alto flusso, ventilazione meccanica o morte.

Tra ottobre 2020 e febbraio 2022, in 62 centri in 11 Paesi, 2.749 pazienti sono stati assegnati in modo casuale alla Colchicina o al controllo, e alla combinazione di Rivaroxaban e Aspirina o al controllo.
2.611 pazienti sono stati inclusi nell'analisi della Colchicina ( n=1.304 ) rispetto al controllo ( n=1.307 ); 2.119 pazienti sono stati inclusi nell'analisi di Rivaroxaban e Aspirina ( n=1.063 ) rispetto al controllo ( n=1.056 ).

Il follow-up è stato completato per oltre il 98%.

Complessivamente, 368 dei 1.304 pazienti ( 28.2% ) assegnati alla Colchicina e 356 dei 1.307 ( 27.2% ) assegnati al gruppo di controllo hanno avuto un esito primario ( hazard ratio, HR 1.04, P=0.58 ); e 281 dei 1.063 pazienti ( 26.4% ) assegnati alla combinazione di Rivaroxaban e Aspirina e 300 dei 1.056 ( 28.4% ) assegnati al gruppo di controllo hanno avuto un esito primario ( HR 0.92, P=0.32 ).

I risultati sono stati coerenti nei sottogruppi definiti in base allo stato vaccinale, alla gravità della malattia al basale e ai tempi di randomizzazione in relazione all'insorgenza dei sintomi.

Non c'è stato aumento nel numero di pazienti che hanno presentato almeno un evento avverso grave per Colchicina rispetto ai gruppi di controllo ( 87 su 1.304, 6.7%, vs 90 su 1.307, 6.9% ) o con Rivaroxaban e Aspirina rispetto al gruppo di controllo ( 85, 8.0%, vs 91, 8.6% ).

Tra i pazienti assegnati alla Colchicina, 8 ( 0.61% ) hanno manifestato eventi avversi che hanno portato all'interruzione del farmaco in studio, per lo più di natura gastrointestinale. 17 pazienti ( 1.6% ) assegnati alla combinazione di Rivaroxaban e Aspirina hanno presentato sanguinamento rispetto a 7 ( 0.66% ) di quelli assegnati al controllo ( P=0.042 ); il numero di eventi di sanguinamento grave è stato rispettivamente di 2 ( 0.19% ) versus 6 ( 0.57% ) ( P=0.18 ).

Nessun paziente assegnato a Rivaroxaban e Aspirina ha avuto eventi avversi gravi che hanno portato all'interruzione del farmaco in studio.

Tra i pazienti ricoverati con COVID-19, né la Colchicina né la combinazione di Rivaroxaban e Aspirina prevengono la progressione della malattia o la morte. ( Xagena2022 )

Eikelboom JW et al, Lancet Respiratory Medicine 2022; 10: 1169-1177

Inf2022 Farma2022



Indietro