GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

COVID-19: interruzione versus continuazione degli inibitori del sistema renina-angiotensina. Studio ACEI-COVID


L'ingresso del virus SARS-CoV-2 nelle cellule umane dipende dall'enzima di conversione dell'angiotensina 2 ( ACE2 ), che può essere sovraregolato dagli inibitori del sistema renina-angiotensina ( RAS ).
È stata esaminata l’ipotesi secondo cui l'interruzione del trattamento cronico con ACE-inibitori ( ACEI ) o bloccanti del recettore dell'angiotensina II ( ARB; sartani ) attenui il decorso della COVID-19 di recente insorgenza.

ACEI-COVID era uno studio a gruppi paralleli, randomizzato, controllato, in aperto, condotto in 35 Centri in Austria e Germania.
Sono stati arruolati pazienti di età pari o superiore a 18 anni che presentavano una recente infezione sintomatica da virus SARS-CoV-2 e venivano trattati cronicamente con inibitori ACE o sartani.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale all'interruzione o alla continuazione dell'inibizione di RAS per 30 giorni.

L'esito primario era il punteggio massimo di valutazione dell'insufficienza d'organo sequenziale ( SOFA ) entro 30 giorni, in cui la morte è stata valutata con il punteggio SOFA massimo ottenibile.
Gli endpoint secondari erano l'area sotto il punteggio SOFA aggiustato per la morte ( AUC SOFA ), il punteggio SOFA medio, l'ammissione alla terapia intensiva, la ventilazione meccanica e la morte.
Le analisi sono state effettuate su base intention-to-treat modificata.

Tra il 20 aprile 2020 e il 20 gennaio 2021, 204 pazienti ( età media 75 anni, 37% donne ) sono stati assegnati in modo casuale a interrompere ( n=104 ) o continuare ( n=100 ) l'inibizione di RAS.

Entro 30 giorni, 8 su 104 pazienti ( 8% ) sono morti nel gruppo di interruzione e 12 su 100 pazienti ( 12% ) sono morti nel gruppo di continuazione ( P=0.42 ).

Non c'è stata alcuna differenza significativa nell'endpoint primario tra il gruppo di interruzione e di continuazione ( punteggio SOFA massimo mediano 0.00 vs 1.00; P=0.12 ).

L'interruzione è stata associata a un significativamente più basso AUC SOFA ( 0.00 vs 3.50; P=0.040 ), punteggio SOFA medio ( 0.00 vs 0.12; P=0.040 ) e punteggio SOFA a 30 giorni ( 0.00 vs 0.00; P=0.023 ).

A 30 giorni, 11 ( 11% ) nel gruppo di interruzione e 23 ( 23% ) nel gruppo di continuazione avevano segni di disfunzione d'organo ( punteggio SOFA maggiore o uguale a 1 ) o erano morti ( P=0.017 ).
Non ci sono state differenze significative per la ventilazione meccanica ( 10, 10%, vs 8, 8%, P=0.87 ) e il ricovero in terapia intensiva ( 20, 19%, vs 18, 18%, P=0.96 ) tra il gruppo di interruzione e quello di continuazione.

L'interruzione dell'inibizione di RAS in COVID-19 non ha avuto effetti significativi sulla gravità massima di COVID-19, ma può portare a una guarigione più rapida e migliore.
La decisione di continuare o interrompere deve essere presa su base individuale, considerando il profilo di rischio, l'indicazione per l'inibizione di RAS e la disponibilità di terapie alternative e opzioni di monitoraggio ambulatoriale. ( Xagena2021 )

Bauer A et al, Lancet Respiratory Medicine 2021; 9: 863-872

Cardio2021 Inf2021 Farma2021


Indietro