Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Reumabase.it

Decessi dovuti a COVID-19 nei pazienti oncologici durante diverse ondate di pandemia negli Stati Uniti


Con il continuo allentamento delle linee guida per prevenire la trasmissione di COVID-19, in particolare in ambito ospedaliero, i gruppi vulnerabili dal punto di vista medico, come i pazienti affetti da cancro, possono andare incontro a un carico diverso di mortalità da infezione da virus SARS-CoV-2 ( COVID-19 ) rispetto alla popolazione generale.

È stata valutata la mortalità da COVID-19 tra i pazienti statunitensi affetti da tumore rispetto alla popolazione generale degli Stati Uniti durante le diverse ondate della pandemia.

Questo studio trasversale ha utilizzato i dati del database CDC WONDER ( Center for Disease Control and Prevention’s Wide-Ranging Online Data for Epidemiologic Research ) per esaminare la mortalità da COVID-19 tra i pazienti statunitensi affetti da tumore e la popolazione generale da marzo 2020 a maggio 2022.

Il numero di decessi dovuti a COVID-19 durante l'ondata invernale di Omicron dal 2021 al 2022 è stato confrontato con i decessi durante l'ondata invernale di COVID-19 dell'anno precedente ( quando la variante wild-type SARS-CoV-2 era predominante ) utilizzando i tassi di mortalità.
I dati sono stati analizzati dal 21 luglio al 31 agosto 2022.

I pazienti sono stati esposti all’onda pandemica durante la quale è stata predominante la variante wild-type ( da dicembre 2020 a febbraio 2021 ), la variante Delta ( da luglio 2021 a novembre 2021 ) o la variante Omicron ( da dicembre 2021 a febbraio 2022 ).

L’esito principale era il numero di decessi per COVID-19 al mese.

Il campione comprendeva 34.350 pazienti affetti da tumore ( 14.498 femmine, 42.2%, e 19.852 maschi, 57.8% ) e 628.156 membri della popolazione generale ( 276.878 femmine, 44.1%, e 351.278 maschi, 55.9% ) che sono morti di COVID-19 quando erano predominanti le varianti wild-type ( dicembre 2020-febbraio 2021 ), Delta ( luglio 2021-novembre 2021 ) e Omicron invernale ( dicembre 2021-febbraio 2022 ).

Tra i pazienti affetti da tumore, il maggior numero di decessi mensili per COVID-19 si è verificato durante il periodo invernale di Omicron ( n=5.958 ): al picco del periodo invernale di Omicron, si è verificato il 18% in più di decessi rispetto al picco del periodo wild type.

Per contro, tra la popolazione generale, il maggior numero di decessi mensili per COVID-19 si è verificato durante il periodo wild-type ( n=105.327 ) e al culmine del periodo invernale di Omicron si è registrato il 21% in meno di decessi per COVID-19.

Nelle analisi dei sottogruppi per sito di tumore, la mortalità per COVID-19 è aumentata maggiormente, del 38%, tra i pazienti con linfoma durante il periodo invernale di Omicron rispetto al periodo wild-type.

I risultati di questo studio trasversale hanno indicato che i pazienti affetti da tumore hanno avuto un carico disparato di mortalità per COVID-19 durante l’ondata invernale di Omicron rispetto alla popolazione generale degli Stati Uniti.
Con l’emergere di nuove varianti immuno-evasive di SARS-CoV-2, molte delle quali si prevede saranno resistenti ai trattamenti con anticorpi monoclonali, le strategie per prevenire la trasmissione di COVID-19 dovrebbero rimanere una priorità elevata. ( Xagena2023 )

Potter AL et al, JAMA Oncol 2023; 9: 1417-1422

Inf2023 Onco2023



Indietro