Sinusite
GSK Infettivologia
Sinusiti Mascellari Odontogene
Appropriatezza prescrittiva degli antibiotici e resistenze batteriche

Doxiciclina per il trattamento comunitario di sospetta COVID-19 in persone ad alto rischio di esiti avversi nel Regno Unito: studio PRINCIPLE


La Doxiciclina ( Bassado ) viene spesso utilizzata per il trattamento dei sintomi respiratori da COVID-19 nella comunità nonostante l'assenza di prove da studi clinici a supporto del suo utilizzo.
Sono state valutate l'efficacia della Doxiciclina nel trattamento della sospetta COVID-19 nella comunità tra le persone ad alto rischio di esiti avversi.

È stato condotto uno studio randomizzato nazionale, in aperto, multi-braccio, adattivo di interventi contro COVID-19 nelle persone anziane ( PRINCIPLE ) in centri di cure primarie nel Regno Unito.

Sono state incluse persone di età pari o superiore a 65 anni o di età pari o superiore a 50 anni con comorbilità ( sistema immunitario indebolito, malattie cardiache, ipertensione, asma o malattie polmonari, diabete, insufficienza epatica lieve, ictus o problemi neurologici e obesità auto-riferita o indice di massa di 35 kg/m2 o superiore ), che erano state malate ( per 14 giorni o meno ) con sospetta COVID-19 o un test PCR positivo per l'infezione da SARS-CoV-2 nella comunità.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale alla sola cura abituale, alla cura abituale più Doxiciclina orale ( 200 mg il giorno 1, poi 100 mg una volta al giorno per i successivi 6 giorni ) o alla cura abituale più altri interventi.

Gli interventi riportati sono cure usuali più Doxiciclina e solo cure abituali; sono in corso valutazioni di altri interventi in questa impostazione sperimentale.

Gli endpoint coprimari erano il tempo alla prima guarigione auto-riferita e l'ospedalizzazione o la morte correlata a COVID-19, entrambi misurati a 28 giorni dalla randomizzazione e analizzati per intention-to-treat ( ITT ).

Lo studio è iniziato il 2 aprile 2020. La randomizzazione alla Doxiciclina è iniziata il 24 luglio 2020 ed è stata interrotta il 14 dicembre 2020, poiché è stato soddisfatto il criterio di futilità prestabilito; 2.689 partecipanti sono stati arruolati e randomizzati tra queste date.

Di questi, 2.508 partecipanti ( 93.3% ) hanno fornito dati di follow-up e sono stati inclusi nell'analisi primaria: 780 ( 31.1% ) nel gruppo delle cure abituali più Doxiciclina, 948 nel gruppo delle sole cure abituali ( 37.8% ) e 780 ( 31.1% ) nel gruppo di cure abituali più altri interventi.

Tra i 1.792 partecipanti assegnati in modo casuale ai gruppi di cure abituali più Doxiciclina e solo cure abituali, l'età media era di 61.1 anni; 999 partecipanti ( 55.7% ) erano donne e 790 ( 44.1% ) erano uomini.

Nel modello di analisi primaria c'è stata poca evidenza di differenza nel tempo mediano alla prima guarigione auto-riferita tra il gruppo di cure abituali più Doxiciclina e il gruppo di sole cure abituali ( 9.6 giorni vs 10.1 giorni; hazard ratio, HR=1.04 ).

Il beneficio stimato nel tempo mediano alla prima guarigione auto-riferita è stato di 0.5 giorni e la probabilità di un beneficio clinicamente significativo ( definito come superiore o uguale a 1.5 giorni ) è stata di 0.10.

Il ricovero o il decesso correlato a COVID-19 si sono verificati in 41 partecipanti ( percentuale grezza 5.3% ) al gruppo di cure abituali più Doxiciclina e in 43 ( 4.5% ) al gruppo di sole cure abituali ( differenza percentuale assoluta stimata -0.5% ); ci sono stati 5 decessi ( 0.6% ) nel gruppo di cure abituali più Doxiciclina e 2 ( 0.2% ) nel gruppo di sole cure abituali.

Nei pazienti con sospetto COVID-19 in comunità nel Regno Unito, ad alto rischio di esiti avversi, il trattamento con Doxiciclina non è stato associato a riduzioni clinicamente significative dei tempi di recupero o ricoveri ospedalieri o decessi correlati a COVID-19 e non dovrebbe essere utilizzato come trattamento di routine per COVID-19. ( Xagena2021 )

Butler CC et al, Lancet Respiratory Medicine; 2021: 9: 1010-1020

Pneumo2021 INf2021 Farma2021


Indietro