Sinusite
GSK Infettivologia
Sinusiti Mascellari Odontogene
Forum Infettivologico

Efficacia clinica e microbiologica di Temocillina rispetto a Cefotaxima negli adulti con infezione febbrile del tratto urinario e i suoi effetti sul microbiota intestinale


L'uso di cefalosporine di terza generazione, come Cefotaxima ( Zariviz ), è associato a un aumentato rischio di selezione per la resistenza antimicrobica, quindi è necessario prendere in considerazione antibiotici alternativi.

È stata valutata la colonizzazione intestinale con agenti patogeni resistenti alle cefalosporine di terza generazione in seguito all'uso di Temocillina, un antibiotico alternativo a Cefotaxima potenzialmente meno incline a disturbare il microbiota intestinale, nel trattamento empirico dell'infezione febbrile del tratto urinario ( UTI ).

È stato condotto uno studio randomizzato, multicentrico, di superiorità, in aperto, di fase 4 nei pazienti che erano stati ricoverati in regime di ricovero in 12 ospedali svedesi con sospetta o diagnosticata infezione febbrile UTI ( complicata o non-complicata ).
Per soddisfare i criteri di inclusione, un paziente doveva avere almeno un segno o sintomo di pielonefrite ( cioè dolore al fianco, dolorabilità dell'angolo costovertebrale e modifiche alla frequenza o urgenza urinaria o disuria ), febbre a 38.0 °C o superiore, e una striscia reattiva urinaria positiva ( per nitriti, globuli bianchi o entrambi ).

I partecipanti dovevano anche avere un'indicazione per il trattamento antibiotico per via endovenosa.
I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 2 g di Temocillina o 1-2 g di Cefotaxima.
Entrambi i farmaci sono stati somministrati per via endovenosa ogni 8 ore.

I partecipanti sono stati trattati con antibiotici per 7-10 giorni ( o fino a 14 giorni se avevano batteriemia ), di cui almeno 3 giorni con il farmaco in studio; al giorno 4 e successivi, ai partecipanti che mostravano miglioramenti poteva essere somministrato un antibiotico orale ( Ciprofloxacina, Ceftibuten, Cefixima o co-Trimoxazolo ).

I pazienti che non mostravano miglioramenti erano considerati con fallimento del trattamento. I tamponi rettali sono stati raccolti in tre momenti: al basale ( prima della prima dose ), dopo l'ultima dose del farmaco in studio e 7-10 giorni dopo l'interruzione del trattamento.

L'esito primario composito era la colonizzazione con Enterobacterales con ridotta suscettibilità alle cefalosporine di terza generazione, o la colonizzazione con Clostridioides difficile produttori di tossine, o entrambi, per valutare il disturbo del microbiota intestinale.

Tra il 2016 e il 2019, 207 pazienti sono stati sottoposti a screening per l'idoneità, di cui 55 sono stati esclusi.
152 partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a gruppi: 77 pazienti ( 51% ) hanno ricevuto Temocillina, 75 ( 49% ) hanno ricevuto Cefotaxima.

L'endpoint primario composito è stato raggiunto da 18 dei 68 partecipanti ( 26% ) che hanno ricevuto Temocillina rispetto a 30 dei 62 pazienti ( 48% ) che hanno ricevuto Cefotaxima ( differenza di rischio -22% ), mostrando la superiorità di Temocillina rispetto a Cefotaxime ( cioè meno disturbi del microbiota intestinale ).

Sono stati segnalati 43 eventi avversi in 40 dei 77 pazienti ( 52% ) nel gruppo Temocillina, rispetto a 46 eventi avversi in 34 dei 75 pazienti ( 45% ) nel gruppo Cefotaxima.
La maggior parte degli eventi è stata di gravità da lieve a moderata.

La Temocillina è risultata meno selettiva di Cefotaxima riguardo agli enterobatteri con ridotta suscettibilità alle cefalosporine di terza generazione, e potrebbe quindi essere un'alternativa favorevole nel trattamento empirico delle infezioni febbrili del tratto urinario.
L'uso di questo antibiotico potrebbe ridurre la trasmissione ospedaliera e le infezioni associate all'assistenza sanitaria da parte di questi agenti patogeni. ( Xagena2022 )

Edlund C et al, Lancet Infectious Diseases 2022; 22: 390-400

Inf2022 Farma2022


Indietro