Sinusite
Sinusiti Mascellari Odontogene
GSK Infettivologia
Appropriatezza prescrittiva degli antibiotici e resistenze batteriche

Efficacia e sicurezza di dosi crescenti di Moxidectina contro le infezioni da Strongyloides stercoralis negli adulti


La strongiloidiasi rappresenta un importante problema di salute pubblica, in particolare nei Paesi con risorse limitate.
Studi preliminari suggeriscono che la Moxidectina potrebbe servire come alternativa all'unica opzione di trattamento disponibile, l'Ivermectina.

Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di dosi crescenti di Moxidectina in pazienti con infezione da Strongyloides stercoralis.

È stato condotto uno studio randomizzato, a gruppi paralleli, in singolo cieco, controllato con placebo, a dosaggio variabile, di fase 2a in quattro villaggi nel nord del Laos.
Adulti idonei di età compresa tra 18 e 65 anni con infezione da Strongyloides stercoralis di intensità di almeno 0.4 larve per g di feci in almeno due campioni di feci sono stati assegnati in modo casuale mediante randomizzazione in sette gruppi di trattamento: 2 mg di Moxidectina, 4 mg di Moxidectina, 6 mg di Moxidectina, 8 mg di Moxidectina, 10 mg di Moxidectina, 12 mg di Moxidectina o placebo.

I partecipanti e i valutatori degli esiti primari non conoscevano l'assegnazione del trattamento.
I partecipanti hanno ricevuto una singola dose orale assegnata di Moxidectina in compresse da 2 mg o 4 compresse di placebo.
Tre campioni di feci sono stati raccolti al basale e due campioni di feci sono stati raccolti 28 giorni dopo il trattamento da ciascun partecipante.

È stato utilizzato un test di Baermann per quantificare l’infezione da Strongyloides stercoralis e sono stati utilizzati gli strisci spessi di Kato-Katz per identificare qualitativamente le coinfezioni con ulteriori specie di elminti.

L'endpoint primario era il tasso di guarigione contro Strongyloides stercoralis ed è stato analizzato in un set di analisi dei casi disponibile, definito come tutti i partecipanti assegnati in modo casuale con dati dell'endpoint primario.
La sicurezza è stata valutata nella popolazione intent-to-treat.

Tra il 2019 e il 2020, 785 adulti sono stati sottoposti a screening per l'idoneità alla sperimentazione. Di questi, 223 partecipanti sono stati assegnati in modo casuale ai gruppi di trattamento e 209 hanno completato lo studio e sono stati analizzati per l'esito primario.

È risultato che 2 mg di Moxidectina hanno avuto un tasso di guarigione previsto del 75% ( 22 su 30 guariti, 73% ) contro Strongyloides stercoralis rispetto a un tasso di guarigione previsto del 14% ( 4 su 29 guariti, 14% ) per il placebo.

Con dosi crescenti, la probabilità di guarigione è aumentata dall'83% ( 26 su 29 guariti, 90% ) a 4 mg all'86% ( 27 su 32 guariti, 84% ) a 6 mg, e all'87% ( 24 su 29 guariti, 83% ) a 8 mg, stabilizzandosi all'88% ( 29 su 30 guariti, 97% ) a 10 mg e 88% ( 26 su 30 guariti, 87% ) a 12 mg.

La Moxidectina è stata ben tollerata in tutti i gruppi di trattamento, senza che siano stati registrati eventi avversi gravi, e tutti i sintomi riportati sono stati classificati come lievi.

In conclusione, 4-12 mg di Moxidectina hanno mostrato promettenti profili di tollerabilità ed efficacia nel trattamento delle infezioni da Strongyloides stercoralis negli adulti.
Poiché 8 mg di Moxidectina sono usati per il trattamento dell'oncocercosi e la Moxidectina è stata valutata per altre infezioni da elminti, si raccomanda questa dose per gli studi di fase 2b e fase 3 della terapia della strongiloidiasi. ( Xagena2021 )

Hofmann D et al, Lancet Infectious Diseases 2021; 21: 1151-1160

Inf2021 Farma2021


Indietro