Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Efficacia e sicurezza di Ridinilazolo rispetto a Vancomicina per il trattamento della infezione da Clostridium difficile


L'infezione da Clostridium difficile è l'infezione più comunemente associata all'assistenza sanitaria negli Stati Uniti.
Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia di Ridinilazolo rispetto a Vancomicina per il trattamento dell'infezione da Clostridium difficile.

È stato effettuato uno studio di fase 2, randomizzato, in doppio cieco, con controllo attivo, di non-inferiorità.
I partecipanti con segni e sintomi di infezione da Clostridium difficile e un risultato diagnostico positivo sono stati reclutati da 33 Centri negli Stati Uniti e in Canada e assegnati casualmente a ricevere Ridinilazolo orale ( 200 mg ogni 12 ore ) o Vancomicina orale ( 125 mg ogni 6 ore ) per 10 giorni.

L'endpoint primario era il raggiungimento di una risposta clinica sostenuta, definita come guarigione clinica alla fine del trattamento e nessuna recidiva entro 30 giorni, utilizzata per stabilire la non-inferiorità ( margine del 15% ) di Ridinilazolo rispetto alla Vancomicina.

L'analisi di efficacia primaria è stata condotta su una popolazione intention-to-treat modificata comprendente tutti gli individui con infezione da Clostridium difficile confermata dalla presenza di tossina libera nelle feci che sono stati assegnati in modo casuale a ricevere una o più dosi del farmaco in studio.

Tra il 2014 e il 2015, sono stati reclutati 100 pazienti; 50 sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Ridinilazolo e 50 a Vancomicina.
16 pazienti non hanno completato lo studio e 11 hanno interrotto il trattamento in anticipo.

L'analisi di efficacia primaria ha compreso 69 pazienti ( n=36 nel gruppo Ridinilazolo, n=33 nel gruppo Vancomicina ).

24 pazienti su 36 ( 66.7% ) nel gruppo Ridinilazolo vs 14 su 33 ( 42.4% ) nel gruppo Vancomicina hanno presentato una risposta clinica sostenuta ( differenza di trattamento 21.1%; P=0.0004 ), stabilendo la non-inferiorità di Ridinilazolo e mostrando anche superiorità statistica a livello del 10%.

Ridinilazolo è risultato ben tollerato, con un profilo di eventi avversi simile a quello della Vancomicina: 82% dei partecipanti ( 41 su 50 ) ha riportato eventi avversi nel gruppo con Ridinilazolo e 80% ( 40 su 50 ) nel gruppo con Vancomicina.
Non ci sono stati eventi avversi correlati a Ridinilazolo che hanno portato alla sospensione del trattamento.

Ridinilazolo è un antimicrobico a spettro mirato che mostra un potenziale nel trattamento dell'infezione iniziale da Clostridium difficile e nel fornire un beneficio prolungato attraverso la riduzione della recidiva della malattia.
È giustificato un suo ulteriore sviluppo clinico. ( Xagena2017 )

Vickers RJ et al, Lancet Infect Dis 2017; 17: 735-744

Inf2017 Farma2017


Indietro