Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Mediexplorer.it

Efficacia e sicurezza di Sulbactam-Durlobactam rispetto alla Colistina per il trattamento dei pazienti con infezioni gravi causate dal complesso Acinetobacter baumannii-calcoaceticus: studio ATTACK


Esiste un urgente bisogno di antibiotici per trattare le infezioni causate dal complesso Acinetobacter baumannii-calcoaceticus ( ABC ) resistente ai carbapenemi.
Sulbactam - Durlobactam ( Xacduro ) è una combinazione di inibitori di beta-lattame / beta-lattamasi con attività contro l'Acinetobacter, compresi i ceppi multiresistenti.

In uno studio di fase 3, patogeno-specifico, randomizzato e controllato, sono state confrontate l’efficacia e la sicurezza di Sulbactam-Durlobactam rispetto alla Colistina, entrambi in combinazione con Imipenem-Cilastatina come terapia di base, in pazienti con infezioni gravi causate da complesso Acinetobacter baumannii-calcoaceticus resistente ai carbapenemi.

Lo studio ATTACK è stato condotto in 59 centri clinici in 16 Paesi. Adulti di età pari o superiore a 18 anni con polmonite batterica acquisita in ospedale confermata da complesso Acinetobacter baumannii-calcoaceticus, polmonite batterica associata a ventilatore, polmonite ventilata o infezioni del flusso sanguigno sono stati randomizzati a Sulbactam-Durlobactam ( 1.0 g di ciascun farmaco in combinazione nell'arco di 3 ore ogni 6 ore ) o Colistina ( 2.5 mg/kg nell'arco di 30 minuti ogni 12 ore ) per 7-14 giorni.

Tutti i pazienti hanno ricevuto Imipenem-Cilastatina ( 1.0 g di ciascun farmaco in combinazione nell'arco di 1 ora ogni 6 ore ) come terapia di base.

L’endpoint primario di efficacia era la mortalità per tutte le cause a 28 giorni nei pazienti con complesso Acinetobacter baumannii-calcoaceticus resistente ai carbapenemi confermato in laboratorio ( popolazione intention-to-treat [ ITT ] microbiologicamente modificata con complesso Acinetobacter baumannii-calcoaceticus resistente ai carbapenemi ).

Si raggiungeva la non-inferiorità se il limite superiore dell'intervallo di confidenza al 95% per la differenza di trattamento era inferiore a +20%.

L'endpoint primario di sicurezza era l'incidenza di nefrotossicità valutata utilizzando i criteri Risk, Injury, Failure, Loss, End-stage di malattia renale misurati dal livello di creatinina o dalla velocità di filtrazione glomerulare fino al giorno 42.

Nel periodo 2019-2021, 181 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Sulbactam-Durlobactam o Colistina ( 176 polmonite batterica acquisita in ospedale, polmonite batterica associata al ventilatore o polmonite ventilata; e 5 infezioni del flusso sanguigno ); nell’analisi di efficacia primaria sono stati inclusi 125 pazienti con isolati ABC resistenti ai carbapenemi confermati in laboratorio.

La mortalità per tutte le cause a 28 giorni è stata di 12 su 63 ( 19% ) nel gruppo Sulbactam-Durlobactam e di 20 su 62 ( 32% ) nel gruppo Colistina, una differenza di -13.2%, che soddisfaceva i criteri di non-inferiorità.

L'incidenza di nefrotossicità è risultata significativamente ( P minore di 0.001 ) inferiore con Sulbactam-Durlobactam rispetto alla Colistina ( 12 su 91, 13% vs 32 su 85, 38% ).

Eventi avversi gravi sono stati segnalati in 36 su 91 pazienti ( 40% ) nel gruppo Sulbactam-Durlobactam e in 42 su 86 pazienti ( 49% ) nel gruppo Colistina.

Eventi avversi correlati al trattamento che hanno portato alla sospensione del farmaco in studio sono stati segnalati in 10 su 91 pazienti ( 11% ) nel gruppo Sulbactam-Durlobactam e in 14 su 86 pazienti ( 16% ) nel gruppo Colistina.

I dati hanno mostrato che Sulbactam-Durlobactam è risultato non-inferiore alla Colistina, entrambi somministrati in combinazione con Imipenem-Cilastatina, per l'endpoint primario di mortalità per tutte le cause a 28 giorni.

Sulbactam-Durlobactam è risultato ben tollerato e potrebbe rappresentare un intervento efficace per ridurre la mortalità dovuta a infezioni gravi causate da complesso Acinetobacter baumannii-calcoaceticus resistente ai carbapenemi, tra cui i ceppi multiresistenti. ( Xagena2023 )

Kaye KS et al, Lancet Infectious Diseases 2023; 23: 1072-1084

Inf2023 Farma2023



Indietro