Xagena Mappa
Medical Meeting
Mediexplorer.it
XagenaNewsletter

Escherichia coli producente tossina Shiga associata a gravi malattie intestinali e sistemiche negli esseri umani


L’Escherichia coli producente tossina Shiga ( STEC ) è un gruppo di ceppi patogeni di Escherichia coli in grado di produrre tossine Shiga, con il potenziale di causare gravi malattie intestinali e sistemiche negli esseri umani.

Il sierotipo è di solito definito mediante determinazione sia degli antigeni O sia H. Ci sono circa 200 sierotipi O di E. coli che producono la tossina Shiga, di cui oltre 100 sono stati associati con la malattia umana.

Due principali tipi di tossina Shiga ( Stx1 e Stx2 ) sono stati associati con i ceppi che causano la malattia umana.
Il sierotipo O157: H7 è considerato il più importante dal punto di vista clinico; si stima che fino al 50% delle infezioni da STEC siano causate da sierotipi non-O157.

STEC rappresenta una questione di salute pubblica a causa della potenzialità a dar vita a focolai e del rischio di gravi complicanze.
La sindrome emolitico-uremica ( SEU ) è considerata come la causa più comune di insufficienza renale acuta nei bambini europei.

Anche se il quadro clinico delle infezioni da sierotipi STEC non-O157 può variare, essere possono essere virulenti come le infezioni O157: H7.

La trasmissione delle infezioni STEC avviene principalmente attraverso il cibo o l’acqua contaminati e il contatto con gli animali.
La trasmissione da persona a persona è possibile anche tra i contatti stretti ( famiglie, asili nido, case di cura, ecc. ).
Un’ampia varietà di prodotti alimentari è già stato implicato in epidemie come fonti sospette, tra cui latte crudo ( non-pastorizzato ), latte e formaggi, carne poco cotta, una varietà di prodotti freschi ( germogli, spinaci, lattuga ), sidro di mele non-pastorizzato.
Un focolaio di infezione STEC O157 in Canada e negli Stati Uniti è stata collegata alle noci.
Vari tipi di animali, in particolare bovini e altri ruminanti, possono essere portatori sani di STEC patogeni per l'uomo, che possono essere diffuse agli esseri umani attraverso la contaminazione fecale.

La dose infettiva è molto bassa. Il periodo di incubazione varia da tre a otto giorni. La presentazione tipica delle infezioni da STEC è rappresentata dalla gastroenterite acuta, spesso accompagnata da febbre lieve e talvolta vomito.
La diarrea è di solito sanguinante nella maggior parte dei casi lievi e auto-limitanti, e molte persone guariscono entro 5-7 giorni.
Circa il 15% dei bambini con diagnosi di infezione da STEC O157 sviluppa la complicanza grave di sindrome emolitico-uremica, questa proporzione è molto più bassa tra gli adulti, e questa proporzione in caso di focolai non-O157 non è ben documentata.

La gravità della diarrea STEC è determinata da diversi fattori, tra cui il sierotipo E. coli, il tipo di tossina Shiga prodotta e altre caratteristiche di virulenza dei batteri.
L'età del paziente e la dose infettante possono anche svolgere un ruolo importante. I bambini di età inferiore ai 5 anni sono a maggior rischio di sviluppare la malattia clinica quando infettati; i bambini sono ad aumentato rischio di morte per disidratazione e setticemia.

Mentre i metodi di conferma di infezione da STEC O157 sono ben stabiliti, questo non è sempre così per infezioni causate da infezione da sierotipi STEC non-O157. Pertanto, la sottostima di infezioni da STEC non-O157 è molto probabile, e l’importanza per la malattia clinica negli esseri umani non è sufficientemente compresa.

Il trattamento delle infezioni da STEC si basa principalmente sulla reidratazione, mentre il trattamento antibiotico è spesso controindicato in quanto può attivare il rilascio di tossina Shiga e quindi causare deterioramento clinico, con una potenziale evoluzione a sindrome emolitico-uremica. ( Xagena2011 )

Fonte: ECDC, 2011


Inf2011



Indietro