Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Gastrobase.it

Eventi avversi negli adulti con infezione tubercolare latente che ricevono Rifampicina o Isoniazide quotidianamente


Un importante problema che limita il trattamento dell'infezione da tubercolosi latente è il verificarsi di eventi avversi con Isoniazide.
Sono state combinate le popolazioni di studi clinici controllati randomizzati di fase 2 e di fase 3 in aperto per stabilire i fattori di rischio per gli eventi avversi durante il trattamento dell'infezione da tubercolosi latente.

È stata effettuata un'analisi di sicurezza post-hoc basata sui dati di due studi clinici controllati randomizzati in aperto condotti in strutture sanitarie in Australia, Benin, Brasile, Canada, Ghana, Guinea, Indonesia, Arabia Saudita e Corea del Sud.

I partecipanti erano adulti consenzienti di età maggiore o uguale a 18 anni con un test diagnostico di infezione tubercolare latente positivo, indicazione per il trattamento e senza controindicazioni alla Rifampicina o all'Isoniazide.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a 4 mesi di Rifampicina ( Rifadin ) 10 mg/kg al giorno o a 9 mesi di Isoniazide ( Nicozid ) 5 mg/kg al giorno.

L'esito primario valutato erano gli eventi avversi ( inclusi rash di grado 1-2 e tutti gli eventi di grado 3-5 ) che hanno comportato l'interruzione permanente del farmaco in studio e sono stati giudicati possibilmente o probabilmente correlati al farmaco in studio.

I partecipanti sono stati reclutati nel periodo 2004-2007 ( fase 2 ) e nel periodo 2009-2014 ( fase 3 ).
Le popolazioni di sicurezza per ciascun gruppo comprendevano 3.205 individui che ricevevano Isoniazide e 3.280 che ricevevano Rifampicina.

Tra coloro che hanno ricevuto Isoniazide, 86 su 3.205 ( 2.7% ) hanno avuto rash di grado 1-2 o qualsiasi evento avverso di grado 3-5, più dei 50 su 3.280 ( 1.5% ) che hanno presentato questi eventi con Rifampicina ( differenza di rischio −1.2% ).

L'età è risultata associata a eventi avversi negli adulti che ricevevano Isoniazide. Rispetto agli individui di età compresa tra 18 e 34 anni, l'odds ratio aggiustato ( aOR ) per gli eventi avversi è stato pari a 1.8 per gli individui di età compresa tra 35 e 64 anni e 3.0 per individui di età compresa tra 65 e 90 anni.

Con Rifampicina, gli eventi avversi sono stati associati a un'aderenza incostante al farmaco ( aOR=2.0 ) e all'uso concomitante di farmaci ( aOR=2.8 ), ma non all'età, con un OR aggiustato di 1.1 per individui di età compresa tra 35 e 64 anni e 1.7 per individui di età compresa tra 65 e 90 anni.

Un decesso correlato al trattamento si è verificato nel gruppo Isoniazide.

Nei pazienti senza controindicazione, è probabile che la Rifampicina sia l'opzione di trattamento dell'infezione da tubercolosi latente più sicura.
Con un uso più diffuso della Rifampicina, potrebbero essere osservati eventi avversi rari ma gravi.

Tuttavia, all'interno di questi studi randomizzati, la Rifampicina è risultata più sicura dell'Isoniazide e gli eventi avversi non sono stati associati all'età avanzata.
Pertanto, la Rifampicina dovrebbe diventare un'opzione di trattamento primaria per l'infezione da tubercolosi latente in base alla sua sicurezza. ( Xagena2020 )

Campbell JR et al, Lancet Infectious Diseases 2020; 20: 318-329

Inf2020 Farma2020



Indietro