Xagena Mappa
Medical Meeting
Neurobase.it
Mediexplorer.it

Frequenza e fattori di rischio per infezione genitale cancerogena da papillomavirus umano persistente nelle donne sessualmente attive


Uno studio di coorte nel Regno Unito ha esaminato i fattori di frequenza e di rischio per l’infezione persistente da papillomavirus umano ( HPV ) in giovani donne prima della introduzione della vaccinazione contro HPV tipo 16 e 18.

Sono state coinvolte 2.185 studentesse sessualmente attive, di età media di 21 anni ( range 16-27 anni ), di cui il 38% da minoranze etniche, che hanno preso parte allo studio di screening per la prevenzione di infezioni pelviche da Clamidia nel periodo 2004-2008, e che avevano fornito tamponi vaginali e questionari compilati al basale.

In seguito durante il follow-up ( mediana di 16 mesi ), 821 donne ( 38% ) hanno ripetuto i tamponi vaginali.
Nel periodo 2009-2010, i campioni conservati sono stati testati per il virus HPV.

Un totale di 404 campioni su 2185 (18.5% ) della coorte sono risultati positivi per HPV cancerogeno al basale, compreso un 15.0% ( 327 ) positivo per genotipi cancerogeni non-vaccinali.

Le segnalazioni di due o più partner sessuali durante l'anno precedente e la concomitante infezione da Chlamydia trachomatis o vaginosi batterica sono risultati essere fattori di rischio indipendenti per la infezione vaginale da HPV.

L'infezione con nuovi sierotipi di HPV è stata trovata nel 17.7% ( 145/821 ) dei campioni di follow-up, con un'incidenza annuale stimata di infezione da HPV cancerogeno del 12.9%.

L'infezione incidente era più comune nelle donne che hanno riferito due o più partner durante l'anno precedente, di età minore di 20 anni, di etnia nera, o con vaginosi da Chlamydia trachomatis al basale.

Avere più partner è stato l'unico fattore di rischio indipendente per l'infezione incidente ( rischio relativo, RR=1.99 ).
Su 143 donne con infezione da HPV cancerogeno al basale, 20 ( 14% ) hanno presentato infezione con lo stesso tipo di HPV cancerogeno rilevato dopo 12-28 mesi. Di queste donne, 13 ( 65% ) hanno nuovamente rilevato l’infezione dai sierotipi 16 o 18 di HPV, e 9 ( 45% ) con genotipi cancerogeni di HPV non contenuti nel vaccino.

In conclusione, nello studio di coorte di HPV cancerogeno nelle donne giovani, avere più partner sessuali era un predittore indipendente di infezione sia prevalente che incidente.
L’infezione da genotipi cancerogeni non-vaccinali è risultata comune.
Anche se attualmente i vaccini per HPV offrono una protezione incrociata parziale nei confronti di alcuni tipi di HPV cancerogeni non contenuti nel vaccino, le donne immunizzate avranno ancora bisogno di screening della cervice. ( Xagena2012 )

Oakeshott P et al, BMJ 2012; 344: e4168


Inf2012 Onco2012 Gyne2012



Indietro