Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it
Farmaexplorer.it

Infezione da virus HIV correlata a più alto rischio di infarto miocardico


Le persone con infezione da HIV ( virus dell’immunodeficienza umana ) presentano un rischio di infarto miocardico quasi doppio rispetto agli individui non-infettati con questo virus.
Inoltre è stato anche riscontrato un aumento del rischio di malattia renale allo stadio terminale e alcuni tipi di tumore.

Queste sono le conclusioni di due studi che hanno riguardato i reduci delle forze armate degli Stati Uniti.

Su Jama Internal Medicine sono stati presentati i dati riguardanti più di 82.000 veterani. Lo studio aveva come obiettivo quello di determinare il tasso di infarto miocardico in questa popolazione di soggetti HIV-positivi o HIV-negativi.

Grazie al successo della terapia antiretrovirale, le persone infettate dal virus HIV vivono più a lungo e possono essere a rischio di malattie tipiche dell'invecchiamento, tra cui le malattie cardiache.

Sono stati esaminati i dati di 82.429 veterani; di questi 27.350 erano HIV-positivi. Il periodo di follow-up mediano è stato di 5.9 anni.
La principale misura di esito era l’infarto miocardico acuto ( IMA ).

Nel periodo aprile 2003 e dicembre 2009, ci sono stati 871 casi di infarto acuto del miocardio, di cui il 41.7% si è verificato nel gruppo di soggetti HIV-positivi.
Attraverso tre decadi di età, il tasso medio di infarto miocardico per 1.000 anni-persona è risultato costantemente e significativamente più alto per i soggetti HIV-positivi, rispetto ai veterani senza infezione.

I tassi per 1.000 anni-persona sono stati i seguenti: persone di età compresa tra 40 e 49 anni: 2 per il gruppo HIV-positivo versus 1.5 per il gruppo HIV-negativo; persone di età compresa tra 50 e 59 anni: 3.9 versus 2.2; persone di età compresa tra 60 e 69 anni: 5 versus 3.3.

Tutte le differenze erano significative per P inferiore a 0.05.

In un'analisi multivariata, aggiustata per i fattori di rischio di Framingham, le comorbidità, e l’uso di sostanze stupefacenti, i veterani HIV-positivi avevano un rapporto di rischio per infarto miocardico di 1.48, rispetto a veterinari senza infezione.

Il campione di studio era prevalentemente costituito da soggetti di sesso maschile; pertanto, il risultato non può essere applicato alle donne.

Uno studio, presentato al CROI ( Conference on Retroviruses and Opportunistic Infections ), ha invece analizzato una popolazione di 31.454 persone sieropositive partecipanti al Veterans Aging Cohort Study, appaiate per età, razza, con 68.558 controlli HIV-negativi.

Lo studio ha riguardato il periodo compreso tra il 2003 e il 2008.

Ci sono stati 286 eventi di infarto miocardico nel gruppo HIV-negativi e 231 nel gruppo HIV-positivi ( hazard ratio, HR=1.81 ).

Per la malattia renale allo stadio terminale, ci sono stati 502 eventi nel gruppo HIV-negativi e 346 nel gruppo HIV-positivi ( HR=1.43 ).

Per i tumori HIV-associati, sono stati riscontrati 565 eventi nel gruppo HIV-negativi e 579 nel gruppo HIV-positivi ( HR=1.84 ).

Per i tumori non-HIV associati, sono stati segnalati 1.254 eventi nel gruppo HIV-negativi e 509 nel gruppo HIV-positivi ( HR=0.95 ).

Anche in questo studio, i partecipanti erano prevalentemente di sesso maschile. ( Xagena2013 )

Fonte: CROI e Jama Internal Medicine, 2013


Inf2013 Cardio2013


Indietro