GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Infezioni da micobatteri non-tubercolari e terapia anti-TNF-alfa


I pazienti trattati con anti-TNF-alfa, hanno un rischio maggiore per la tubercolosi e per altre malattie granulomatose, ma poco si sa sulle malattie causate da micobatteri non-tubercolari.

Sono stati analizzati i database MedWatch dell’FDA ( Food and Drug Administration ) che hanno riportato i casi di malattie causate da micobatteri non-tubercolari, in pazienti sottoposti a terapia anti-TNF-alfa.

Tra le 239 segnalazioni raccolte, 105 ( 44% ) soddisfacevano i criteri di malattia causate da micobatteri non-tubercolari.

L'età mediana dei pazienti era di 62 anni, la maggior parte ( 66.65% ) era di sesso femminile, e il 73.70% soffriva di artrite reumatoide.

Le infezioni da malattie causate da micobatteri non-tubercolari erano associate a Infliximab ( n=73; Remicade ), Etanercept ( n=25; Enbrel ) e Adalimumab ( n=7; Humira ).

La maggior parte dei pazienti stava assumendo, contemporaneamente, Prednisone ( n= 68,65% ) o Metotrexato ( n= 58,55% ).

Il batterio maggiormente coinvolto era il Mycobacterium Avium ( n=52, 50% ).

Nove pazienti ( 9% ) sono morti al momento della loro infezione. È stato anche riportato un alto tasso di manifestazioni extrapolmonari ( n=46; 44% ). ( Xagena2009 )

Winthrop KL et al, Emerg Infect Dis 2009;15:1556-1561


Inf2009 Farma2009 Reuma2009


Indietro