XagenaNewsletter
Medical Meeting
Xagena Mappa
Dermabase.it

Infezioni virali congenite in Inghilterra nell’arco di cinque decenni


Le infezioni virali congenite causano una sostanziale morbilità a lungo termine ma i dati sulla popolazione relativi ai tassi di diagnosi sono limitati.
Uno studio ha valutato le tendenze a lungo termine delle infezioni virali congenite in Inghilterra e ha riportato come i tassi di queste infezioni avrebbero potuto essere diversi con metodi migliori per il rilevamento, l'introduzione del vaccino morbillo-parotite-rosolia a due dosi ( MMR ) nel 1996 e l'attuazione del Programma NHSP ( Newborn Hearing Screening Programme ) nel 2006.

Per questo studio di coorte osservazionale basato sulla popolazione, sono stati usati i dati di ospedalizzazione nazionali e regionali dal 1968 al 2016 in Inghilterra ( Hospital In-Patient Inquiry, Hospital Episode Statistics e Oxford Record Linkage Study ) per calcolare i tassi annuali di dimissioni ospedaliere e i soggetti di età inferiore a 1 mese con diagnosi di citomegalovirus, virus dell'herpes simplex ( HSV ), virus della varicella zoster ( VZV ) e rosolia congeniti.

Sono state studiate le associazioni di citomegalovirus, virus HSV e virus VZV congeniti con fattori perinatali e materni ( sesso, etnia della madre, modalità di parto, età gestazionale, peso alla nascita, età della madre, indice di deprivazione multipla della madre e numero di precedenti gravidanze ).

Nel 2016, le percentuali di dimissione per 100.000 neonati sono state 22.3 per citomegalovirus, 17.6 per virus HSV, 32.6 per virus VZV e 0.15 per rosolia congeniti.

Rispetto agli anni precedenti dello studio, il tasso di dimissione nel 2016 è stato più elevato per citomegalovirus, virus HSV e virus VZV congeniti, mentre è stato inferiore per la rosolia.

Per il citomegalovirus congenito, tra il 2006 e il 2007 è stato registrato un significativo aumento a seguito dell'implementazione del NHSP ( rate ratio che ha confrontato la tendenza post-NHSP con quella pre-NHSP 1.55, P=0.0072 ).

L'infezione congenita da citomegalovirus è stata associata a peso alla nascita inferiore a 1 kg, età materna inferiore a 25 anni, famiglie a rischio socioeconomico, parto cesareo, ed etnia nera delle madri.

L'infezione congenita da virus HSV è stata associata a età materna inferiore a 20 anni, età gestazionale inferiore a 32 settimane e parto vaginale e cesareo di emergenza, mentre l'infezione da virus VZV è stata associata ad aumento della parità ed etnie nere e del sud asiatico.

L'aumento delle dimissioni ospedaliere codificate con citomegalovirus congenito è molto probabilmente dovuto all'introduzione di tecniche diagnostiche sensibili e diagnosi retrospettive fatte nei bambini dopo l'implementazione del Programma NHSP.
Strategie di sanità pubblica per migliorare la prevenzione e il trattamento delle infezioni virali congenite sono urgentemente necessarie.
La riduzione delle dimissioni per la rosolia è molto probabilmente dovuta al vaccino MMR. ( Xagena2020 )

Kadambari S et al, Lancet Infectious Diseases 2020; 20: 220-229

Inf2020



Indietro