Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Inibizione dell'interleuchina-1 e dell'interleuchina-6 rispetto alla gestione standard nei pazienti con COVID-19 e iperinfiammazione


I pazienti con COVID-19 grave sviluppano una risposta iperinfiammatoria al virus pericolosa per la vita.
Gli inibitori dell'interleuchina-1 ( IL-1 ) o IL-6 sono stati impiegati per trattare questa popolazione di pazienti, ma l'efficacia comparativa di queste diverse strategie rimane indeterminata.
È stata confrontata l'inibizione di IL-1 e IL-6 nei pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19, insufficienza respiratoria e iperinfiammazione.

Questo studio di coorte ha incluso pazienti ricoverati all'Ospedale San Raffaele di Milano con COVID-19, insufficienza respiratoria, definita come un rapporto tra la pressione parziale dell'ossigeno e la frazione di ossigeno inspirato di 300 mm Hg o meno, e iperinfiammazione, definita come concentrazione sierica di proteina C reattiva di 100 mg/l o più o concentrazione di ferritina di 900 ng/ml o più.

L'endpoint primario era la sopravvivenza e l'endpoint secondario era un composito di morte o ventilazione meccanica ( esito clinico avverso ).

Sono stati confrontati gli esiti clinici di pazienti che avevano ricevuto inibizione di IL-1 ( Anakinra ) o inibizione di IL-6 ( Tocilizumab o Sarilumab ) con quelli dei pazienti che non avevano ricevuto inibitori dell'interleuchina, dopo aver tenuto conto delle differenze di base.
Tutti i pazienti hanno ricevuto cure standard.

Dei 392 pazienti inclusi tra il 25 febbraio e il 20 maggio 2020, 275 non hanno ricevuto inibitori dell'interleuchina, 62 hanno ricevuto l'inibitore di IL-1 Anakinra ( Kineret ) e 55 hanno ricevuto un inibitore di IL-6 ( 29 hanno ricevuto Tocilizumab [ RoActemra ] e 26 hanno ricevuto Sarilumab [ Kevzara ] ).

Nell'analisi multivariabile, rispetto ai pazienti che non hanno ricevuto inibitori dell'interleuchina, i pazienti trattati con l'inibizione di IL-1 hanno avuto un rischio di mortalità significativamente ridotto ( hazard ratio, HR 0.450; P=0.047 ), ma non quelli trattati con l'inibizione di IL-6 ( 0.900; P=0.79 ).

Nell'analisi multivariata, non c’è stata differenza nel rischio di esito clinico avverso nei pazienti trattati con inibizione di IL-1 ( HR 0.866; P=0.63) o inibizione di IL-6 ( HR 0.882; P=0.71 ) rispetto ai pazienti che non hanno ricevuto inibitori dell'interleuchina.

Per le concentrazioni di proteina C reattiva in aumento, i pazienti trattati con inibizione di IL-6 hanno avuto un rischio di mortalità significativamente ridotto ( HR 0.990; P=0.031 ) e un esito clinico avverso ( HR 0.987; P=0.0021 ) rispetto ai pazienti che non hanno ricevuto inibitori dell'interleuchina.

Per concentrazioni decrescenti di lattato deidrogenasi sierica, i pazienti trattati con un inibitore di IL-1 e i pazienti trattati con inibitori di IL-6 hanno avuto un rischio ridotto di mortalità; concentrazioni crescenti di lattato deidrogenasi nei pazienti trattati con uno degli inibitori dell'interleuchina sono state associate a un aumentato rischio di mortalità ( HR 1.009; P=0.0011 per gli inibitori di IL-1 e 1.006, P=0.028 per gli inibitori di IL-6 ) ed esito clinico avverso ( HR 1.006, P=0.0031 per gli inibitori di IL-1 e HR 1.005, P=0.016 per gli inibitori di IL-6 ) rispetto ai pazienti che non hanno ricevuto inibitori dell'interleuchina.

L'inibizione di IL-1, ma non l'inibizione di IL-6, è stata associata a una significativa riduzione della mortalità nei pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19, insufficienza respiratoria e iperinfiammazione.

L'inibizione di IL-6 è risultata efficace in un sottogruppo di pazienti con concentrazioni di proteina C-reattiva marcatamente elevate, mentre l'inibizione sia di IL-1 che di IL-6 è risultata efficace nei pazienti con basse concentrazioni di lattato deidrogenasi. ( Xagena2021 )

Cavalli G et al, Lancet Rheumatology 2021; 3: 253-261

Inf2021 Farma2021


Indietro