Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Xagena Salute

La combinazione Cefepime e Taniborbactam nelle infezioni complicate delle vie urinarie


Le specie Enterobacterales resistenti ai carbapenemi e Pseudomonas aeruginosa multiresistente ai farmaci rappresentano minacce per la salute globale.

La combinazione di Cefepime e Taniborbactam è costituita da un beta-lattame e da un inibitore della beta-lattamasi con attività contro le specie Enterobacterales e Pseudomonas aeruginosa che esprimono serina e metallo-beta-lattamasi.

In uno studio di fase 3, in doppio cieco, randomizzato, sono stati assegnati adulti ospedalizzati con infezione complicata del tratto urinario ( UTI ), inclusa pielonefrite acuta, a ricevere Cefepime-Taniborbactam per via endovenosa 2.5 g oppure Meropenem 1 g ogni 8 ore per 7 giorni; tale durata poteva essere prolungata fino a 14 giorni in caso di batteriemia.

L'esito primario era il successo sia microbiologico che clinico ( successo composito ) nei giorni da 19 a 23 dello studio nella popolazione microbiologica per intention-to-treat ( microITT ) ( pazienti che avevano un patogeno gram-negativo qualificante contro il quale erano attivi entrambi i farmaci in studio ).

Un'analisi di superiorità prespecificata dell'esito primario è stata eseguita dopo la conferma della non-inferiorità.

Dei 661 pazienti sottoposti a randomizzazione, 436 ( 66.0% ) sono stati inclusi nella popolazione microITT.

L'età media dei pazienti era di 56.2 anni e il 38.1% aveva 65 anni o più. Nella popolazione microITT, il 57.8% dei pazienti presentava infezioni complicate delle vie urinarie, il 42.2% pielonefrite acuta e il 13.1% batteriemia.

Il successo composito si è verificato in 207 pazienti su 293 ( 70.6% ) nel gruppo Cefepime-Taniborbactam e in 83 pazienti su 143 ( 58.0% ) nel gruppo Meropenem.

Cefepime-Taniborbactam è risultato superiore a Meropenem per quanto riguarda l'esito primario ( differenza di trattamento, 12.6 punti percentuali; P=0.009 ).

Le differenze nella risposta al trattamento sono state mantenute nel follow-up tardivo ( giorni di studio da 28 a 35 ), quando Cefepime-Taniborbactam ha avuto un successo composito e un successo clinico più elevati.

Eventi avversi si sono verificati rispettivamente nel 35.5% e nel 29.0% dei pazienti nel gruppo Cefepime-Taniborbactam e nel gruppo Meropenem, con mal di testa, diarrea, costipazione, ipertensione e nausea segnalati più frequentemente; la frequenza degli eventi avversi gravi è stata simile nei due gruppi.

Cefepime-Taniborbactam è risultato superiore a Meropenem nel trattamento delle infezioni complicate delle vie urinarie che includevano pielonefrite acuta, con un profilo di sicurezza simile a quello di Meropenem. ( Xagena2024 )

Wagenlehner FM et al, N Engl J Med 2024; 390: 611-622

Inf2024 Uro2024 Farma2024



Indietro