Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase
Xagena Salute

Le statine non aumentano in modo significativo il rischio di influenza


Sebbene coloro che fanno uso di statine ad alta intensità presentano un rischio maggiore di visite mediche correlate all'influenza dopo la vaccinazione, il rischio per gli utilizzatori di statine di bassa o moderata intensità non è risultato significativamente aumentato.

I ricercatori del Center for Biologics Evaluation and Research ( CBER ) dell'Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ), non hanno, inoltre, trovato differenze significative nei rischi di influenza tra utilizzatori di statine sintetiche e non-sintetiche.

Sono stati identificati 1.403.651 utilizzatori di statine nel database Medicare, di età pari o superiore a 65 anni, che hanno ricevuto vaccini antinfluenzali ad alte dosi o a dosi standard nel periodo 2011- 2015.
I pazienti che assumevano statine sono stati abbinati ai non-utilizzatori per tipo di vaccino, dati demografici, precedenti visite mediche e co-morbidità.

Gli esiti primari dello studio includevano visite ambulatoriali correlate all'influenza con un rapido test seguito dalla prescrizione di un antivirale e di ricoveri ospedalieri correlati all'influenza, comprese le visite presso il Pronto soccorso, durante periodi di alta circolazione dei virus influenzali.

I risultati dello studio hanno mostrato un risk ratio ( RR ) aggiustato a 1.086 ( IC al 95%, 1.025-1.15 ) per le visite mediche correlate all'influenza e un RR aggiustato a 1.096 ( IC al 95%, 1.103-1.185 ) per le ospedalizzazioni correlate all'influenza negli utilizzatori di statine rispetto ai non-utilizzatori.

In base alla gravità della stagione influenzale, la differenza di rischio per le visite correlate all'influenza variava da -0.02 a 0.23 e da -0.04 a 0.13 per i ricoveri correlati all'influenza.

La differenza di rischio aggiustata era simile per tipo di vaccino ( alta dose versus dose standard ) e tipo di statina ( sintetica o non-sintetica ).

I rischi correlati all'influenza sono risultati più alti tra coloro che ricevevano terapia con statine ad alta intensità.
Al contrario, gli utilizzatori di statine a bassa intensità non hanno evidenziato un rischio differenziale per le visite mediche correlate all'influenza rispetto ai non-utilizzatori.

L'associazione tra uso di statine e visite mediche o ospedalizzazioni per l'influenza, anche tra gli utilizzatori di statine ad alta intensità, non era abbastanza significativa da rovocare allarme i ricercatori.

In conclusione, i risultati dello studio hanno indicato che il trattamento con statine nel periodo della vaccinazione antinfluenzale non influisce sostanzialmente sul rischio di visite mediche correlate all'influenza tra le persone vaccinate che beneficiano del Programma Medicare. ( Xagena2018 )

Fonte: Clinical Infectious Diseases, 2018

Inf2018 Cardio2018 Farma2018


Indietro