GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Olanexidina acquosa versus Iodio-Povidone acquoso per l'antisepsi cutanea chirurgica sull'incidenza di infezioni del sito chirurgico dopo un intervento chirurgico pulito-contaminato


L'infezione del sito chirurgico ( SSI ) è il problema più comune dopo l'intervento chirurgico.
Sebbene diverse linee guida abbiano indicato l'efficacia degli antisettici, come la Clorexidina-alcol e lo Iodio-Povidone ( IodioPovidone ), nel ridurre il tasso di infezione del sito chirurgico, la raccomandazione ottimale non è ancora stata stabilita.

L'Olanexidina potrebbe avere un'attività battericida maggiore rispetto ad altri agenti antisettici.
Tuttavia, nessuno studio randomizzato ha finora valutato l'efficacia e la sicurezza dell'Olanexidina rispetto agli antisettici convenzionali.

È stato, pertanto, confrontato l'effetto dell'Olanexidina acquosa e dello IodioPovidone acquoso sull'incidenza di infezione del sito chirurgico dopo un intervento chirurgico pulito contaminato.

È stato condotto uno studio multicentrico, prospettico, randomizzato, in cieco, di superiorità per l'antisepsi cutanea per interventi chirurgici gastrointestinali e pancreatici epatobiliari puliti-contaminati in quattro ospedali giapponesi.

I pazienti di età pari o superiore a 20 anni che sono stati sottoposti a chirurgia elettiva della ferita pulita-contaminata sono stati assegnati in modo casuale ad antisepsi cutanea chirurgica con una formulazione acquosa di Olanexidina all'1.5% o antisepsi cutanea chirurgica con una formulazione acquosa di IodioPovidone al 10% prima dell'intervento chirurgico.
È stata utilizzata l'Olanexidina in un applicatore pronto per l'uso e lo IodioPovidone è stato somministrato con un pennello o mediante compressione utilizzando una pinza.

Entrambi gli antisettici sono stati applicati dalla papilla con un limite cranico e alla coscia con un limite caudale.
Gli antisettici sono stati lasciati asciugare per 3 minuti, quindi è iniziato l'intervento chirurgico.

L'esito primario era l'infezione del sito chirurgico a 30 giorni valutata nella popolazione intent-to-treat.
Il sito della ferita chirurgica di ciascun partecipante è stato osservato quotidianamente.
Dopo la dimissione, i partecipanti sono stati sottoposti ad almeno una visita ambulatoriale entro 30 giorni dall'intervento.

Tra il 2018 e il 2019, 883 pazienti sono stati valutati per l'idoneità. 587 pazienti erano eleggibili e 294 hanno ricevuto Olanexidina e 293 hanno ricevuto IodioPovidone acquoso prima dell'intervento chirurgico.

L'infezione del sito chirurgico a 30 giorni si è verificata in 19 pazienti ( 7% ) nel gruppo Olanexidina e in 39 pazienti ( 13% ) nel gruppo IodioPovidone ( differenza di rischio aggiustata −0.069; rapporto di rischio aggiustato RR 0.48; P=0.002 ).

In tutto 5 pazienti ( 2% ) nel gruppo Olanexidina e 5 ( 2% ) nel gruppo IodioPovidone hanno sviluppato reazioni cutanee avverse ( RR aggiustato 0.99; P=1.00 ).

L'Olanexidina ha ridotto significativamente la presenza dell'infezione del sito chirurgico complessiva e dell'infezione del sito chirurgico incisionale superficiale rispetto allo IodioPovidone acquoso nella chirurgia pulita-contaminata.
I risultati hanno indicato che l'Olanexidina potrebbe avere un ruolo nella prevenzione delle l'infezione del sito chirurgico nei pazienti sottoposti a interventi chirurgici puliti-contaminati. ( Xagena2020 )

Obara H et al, Lancet Infectious Disease 2020; 20: 1281-1289

Inf2020 Chiru2020 Farma2020


Indietro