Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Reumabase.it

Prevalenza, diagnosi e rischio di mortalità dell'infezione del circolo ematico da Mycobacterium tuberculosis negli adulti gravemente malati con infezione da HIV


Il significato clinico ed epidemiologico dell'infezione del sangue ( BSI ) da Mycobacterium tuberculosis associata all'HIV ( virus dell'immunodeficienza umana ) non è completamente compreso.
Si è ipotizzato che la prevalenza di infezione ematica da Mycobacterium tuberculosis sia stata sottostimata, sia in grado di predire in modo indipendente la morte e che il test Xpert MTB/RIF dell'espettorato abbia una resa diagnostica non-ottimale per l'infezione del sangue da Mycobacterium tuberculosis.

È stata effettuata una revisione sistematica e una meta-analisi dei dati dei singoli pazienti ( IPD ) di studi che eseguivano emocolture di micobatteri di routine in una popolazione di pazienti con infezione da HIV di età pari o superiore a 13 anni definita in modo prospettica.

I dati dei singoli pazienti sono stati richiesti per tutti gli studi identificati e soggetti a criteri di inclusione armonizzati: età pari o superiore a 13 anni, positività all'HIV, disponibilità della conta delle cellule CD4, risultato valido di emocoltura da micobatteri ( esclusi i pazienti con dati mancanti da emocolture perse o contaminate ) e soddisfazione delle definizioni dell'OMS per sospetta tubercolosi ( presenza di sintomi allo screening ).

Sono stati identificati 23 set di dati per l'inclusione ( 20 pubblicati e 3 non-pubblicati al momento della ricerca ) e ottenuti dati di singoli pazienti da 20 di questi, a rappresentare il 96.2% dei dati dei singoli pazienti ammissibili.
Il rischio di bias per gli studi inclusi è stato valutato generalmente basso tranne che per il dominio di selezione dei pazienti, che è stato moderato nella maggior parte degli studi.
5.751 pazienti hanno soddisfatto i criteri di inclusione a livello di dati dei singoli pazienti armonizzati.

Fattori tecnici come il numero di emocolture eseguite, la tempistica delle emocolture relative al prelievo di sangue e fattori relativi al paziente come l'ambiente ospedaliero e la conta delle cellule CD4, spiegano una significativa eterogeneità tra gli studi primari.

La probabilità prevista di infezione del sangue da Mycobacterium tuberculosis in pazienti ospedalizzati con tubercolosi associata al virus HIV, segni di pericolo dell'OMS, e una conta CD4 di 76 cellule per microl ( mediana per la coorte ) è stata del 45%.
La resa diagnostica dell'espettorato nei pazienti con infezione ematica da Mycobacterium tuberculosis è stata del 77%, aumentando all'89% se combinata con il test LAM delle urine.

La presenza di infezione ematica da Mycobacterium tuberculosis rispetto alla sua assenza nei pazienti con tubercolosi associata a HIV ha aumentato il rischio di morte prima di 30 giorni ( hazard ratio aggiustato, aHR=2.48 ) ma non dopo 30 giorni ( aHR=1.25 ).

In una coorte di partecipanti con tubercolosi associata a HIV ( n=630 ) abbinata per punteggio di propensione, la mortalità è aumentata nei pazienti con infezione ematica da Mycobacterium tuberculosis che hanno avuto un ritardo nel trattamento contro la tubercolosi superiore a 4 giorni rispetto a coloro che non hanno avuto ritardo ( odds ratio, OR=3.15 ).

Negli adulti in condizioni critiche con tubercolosi da HIV, l'infezione ematica da Mycobacterium tuberculosis è una manifestazione frequente di tubercolosi e predice la mortalità entro 30 giorni.
Una migliore resa diagnostica nei pazienti con infezione nel sangue da Mycobacterium tuberculosis potrebbe essere ottenuta attraverso l'uso combinato di test Xpert dell’espettorato e LAM dell’urina.
Il ritardo del trattamento anti-tubercolosi potrebbe aumentare il rischio di mortalità in questi pazienti. ( Xagena2020 )

Barr DA et al, Lancet Infectious Diseases 2020; 20: 742-752

Inf2020



Indietro