GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Raltegravir: stessa efficacia di Efavirenz nella riduzione del carico virale HIV e nell'aumento del conteggio delle cellule CD4 nei pazienti naive


Raltegravir ( Isentress ), un inibitore dell'integrasi, ha dimostrato di avere la stessa efficacia di Efavirenz ( Sustiva ) nel mantenimento della riduzione del carico virale a livelli non rilevabili ( inferiore a 50 copie/ml ), e nell'aumento del conteggio CD4 nei pazienti mai trattati precedentemente ( pazienti naive ), in uno studio di 144 settimane, di fase II, che ha interessato 198 pazienti.
Entrambe i medicinali sono stati somministrati in combinazione con altri due farmaci anti-HIV: Tenofovir ( Viread ) e Lamivudina ( Epivir ).

Un totale di 198 pazienti naive infettati dal virus HIV hanno ricevuto Raltegravir per via orale 2 volte al giorno in combinazione con Tenofovir e Lamivudina, o una dose da 600 mg di Efavirenz per via orale 1 volta al giorno in combinazione con gli stessi farmaci. Durante le prime 48 settimane dello studio, i pazienti sono stati randomizzati a uno dei quattro regimi di dosaggio ( 100, 200, 400 e 600 mg, 2 volte/die ).
A tutti i gruppi che hanno ricevuto Raltegravir è stata somministrata dopo 48 settimane la dose da 400 mg, 2 volte al giorno.
Gli endpoint principali erano rappresentati dalla riduzione dei valori di HIV RNA al di sotto di 400 copie/ml e dalla valutazione della sicurezza dopo 144 settimane.

Dopo 144 settimane di terapia, il 78% dei 160 pazienti con regime contenente Raltegravir ha mantenuto la soppressione del carico virale HIV al di sotto di 50 copie/ml.
I risultati sono stati confrontati con quelli relativi ai pazienti con regime basato su Efavirenz, il 76% dei 38 pazienti ha mantenuto la soppressione al di sotto di 50 copie/ml.
L'80% dei pazienti che hanno ricevuto il regime contenente Raltegravir ha mantenuto la soppressione del carico virale al di sotto di 400 copie/ml, rispetto al 76% dei pazienti che hanno ricevuto il regime contenente Efavirenz.
In entrambi i regimi di trattamento è stato rilevato un aumento nella conta di cellule CD4. Dopo 144 settimane di trattamento, l'aumento medio nella conta di cellule CD4 rispetto al valore di riferimento è stato di 252 cellule/mm3 per i pazienti con regime contenente Raltegravir, e di 233 cellule/mm3 per i pazienti riceventi il regime contenente Efavirenz.

I tassi cumulativi di effetti indesiderati sono stati meno frequenti con il regime contenente Raltegravir, rispetto al regime contenente Efavirenz ( rispettivamente 54% e 76% ).
Gli effetti collaterali più comunemente riportati nei regimi contenenti rispettivamente Raltegravir ed Efavirenz sono stati diarrea ( 6.9% versus 10.5% ), nausea ( 12.5% vs 10.5% ), vertigini ( 8.8% vs 26.3% ), cefalea ( 8.8% vs 23.7% ), sogni anormali ( 6.3% vs 18.4% ), insonnia ( 8.1% vs 10.5% ), e incubi ( 0% vs 10.5% ).

Il Raltegravir ha avuto un effetto minore sul colesterolo totale o sul colesterolo LDL, o sui trigliceridi.

Raltegravir è il primo farmaco inibitore dell'integrasi. Raltegravir agisce inibendo l'inserimento del DNA dell'HIV-1 nel DNA umano mediante l'enzima integrasi, ed ha dimostrato una rapida attività antivirale. Inibendo questa funzione essenziale dell'integrasi, il farmaco limita la capacità del virus di riprodurre e di infettare nuove cellule. Sono già utilizzati farmaci che bloccano gli altri due enzimi fondamentali per il processo di replicazione dell'HIV-1 ( proteasi e trascrittasi inversa ).

Il Raltegravir, compressa da 400 mg da assumere 2 volte al giorno indifferentemente rispetto all´assunzione di cibo, non necessita del boosting con Ritonavir. ( Xagena2009 )

Fonte: V International AIDS Conference, 2009


Farma2009 Inf2009


Indietro