Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Gastrobase.it

Rezafungina versus Caspofungina per il trattamento della candidemia e della candidosi invasiva: studio ReSTORE


Rezafungina ( Rezzayo ) è un'echinocandina di nuova generazione, una volta alla settimana, in fase di sviluppo per il trattamento della candidemia e della candidosi invasiva e per la prevenzione della malattia fungina invasiva causata da Candida, Aspergillus e Pneumocystis spp dopo trapianto di sangue e midollo.

Sono state confrontate l'efficacia e la sicurezza di Rezafungina per via endovenosa rispetto a Caspofungina ( Cancidas ) per via endovenosa nei pazienti con candidemia e candidosi invasiva.

ReSTORE era uno studio di fase 3 multicentrico, in doppio cieco, double-dummy, randomizzato condotto presso 66 centri di assistenza terziaria in 15 Paesi.
Adulti di età maggiore o uguale a 18 anni con segni sistemici e conferma micologica di candidemia o candidiasi invasiva erano eleggibili per l'inclusione, e sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Rezafungina per via endovenosa una volta a settimana ( 400 mg alla settimana 1, seguiti da 200 mg alla settimana, per un totale di 2-4 dosi ) oppure Caspofungina per via endovenosa ( dose di carico di 70 mg il giorno 1, seguita da 50 mg al giorno ) per non più di 4 settimane.

Gli endpoint primari erano la guarigione globale ( costituita da guarigione clinica, guarigione radiologica ed eradicazione micologica ) al giorno 14 per la European Medical Agency ( EMA ) e la mortalità per tutte le cause a 30 giorni per la Food and Drug Administration ( FDA ) statunitense, entrambe con un margine di non-inferiorità target del 20%, valutato nella popolazione intent-to-treat modificata ( mITT ) ( tutti i pazienti che hanno ricevuto una o più dosi del farmaco in studio e avevano documentato l'infezione da Candida sulla base di una coltura di sangue o di un altro sito normalmente sterile ottenuta entro 96 ore prima della randomizzazione ).

La sicurezza è stata valutata in base all'incidenza e al tipo di eventi avversi e decessi nella popolazione di sicurezza, definita come tutti i pazienti che hanno ricevuto qualsiasi quantità del farmaco in studio.

Tra il 2018 e il 2021, 222 pazienti sono stati sottoposti a screening per l'inclusione e 199 pazienti ( 118 uomini, 59%; 81 donne, 41%; età media 61 anni ) sono stati randomizzati e assegnati ( 100 pazienti, 50%, al gruppo Rezafungin e 99 pazienti, 50%, al gruppo Caspofungina ).

In tutto 55 dei 93 pazienti ( 59% ) nel gruppo Rezafungina e 57 dei 94 pazienti ( 61% ) nel gruppo Caspofungina hanno avuto una guarigione globale al giorno 14 ( differenza ponderata del trattamento -1.1%; endpoint primario EMA ).

In tutto 22 dei 93 pazienti ( 24% ) nel gruppo Rezafungina e 20 dei 94 pazienti ( 21% ) nel gruppo Caspofungina sono deceduti o avevano uno stato di sopravvivenza sconosciuto al giorno 30 ( differenza di trattamento 2.4%; endpoint primario FDA ).

Nell'analisi di sicurezza, 89 dei 98 pazienti ( 91% ) nel gruppo Rezafungina e 83 dei 98 pazienti ( 85% ) nel gruppo Caspofungina hanno manifestato almeno un evento avverso emergente dal trattamento.

Gli eventi avversi più comuni emersi dal trattamento che si sono verificati in almeno il 5% dei pazienti in entrambi i gruppi sono stati: piressia, ipokaliemia, polmonite, shock settico e anemia. 55 pazienti ( 56% ) nel gruppo Rezafungina e 52 pazienti ( 53% ) nel gruppo Caspofungina hanno manifestato eventi avversi gravi.

I dati hanno mostrato che la Rezafungina è risultata non-inferiore a Caspofungina per gli endpoint primari di guarigione globale a 14 giorni ( EMA ) e mortalità per tutte le cause a 30 giorni ( FDA ).

L'efficacia nei primi giorni di trattamento richiede una valutazione. Non ci sono state tendenze preoccupanti negli eventi avversi emergenti dal trattamento o gravi.
Questi risultati di fase 3 hanno mostrato l'efficacia e la sicurezza di Rezafungina e supportano lo sviluppo in corso. ( Xagena2023 )

Thompson GR III et al, Lancet 2023; 401: 49-59

Inf2023 Farma2023



Indietro