GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Rifampicina come terapia aggiuntiva per la batteriemia da Staphylococcus aureus


La batteriemia da Staphylococcus aureus è una causa comune di infezione grave acquisita in comunità e acquisita in ospedale in tutto il mondo.
È stata testata l'ipotesi secondo cui l'aggiunta di Rifampicina possa ridurre il fallimento del trattamento batteriologico confermato o la recidiva della malattia, o la morte, migliorando l'eliminazione precoce di Staphylococcus aureus, sterilizzando più rapidamente focolai e sangue infetti e riducendo i rischi di diffusione e infezione metastatica.

Nello studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, ARREST, gli adulti di età a partire da 18 anni con batteriemia da Staphylococcus aureus che avevano ricevuto 96 ore o meno di terapia antibiotica attiva sono stati reclutati da 29 ospedali del Regno Unito.
I pazienti sono stati assegnati casualmente a ricevere 2 settimane di Rifampicina come terapia aggiuntiva ( 600 mg o 900 mg al giorno in base al peso, per via orale o per via endovenosa ) rispetto a placebo identico, insieme a terapia antibiotica standard.
La randomizzazione è stata stratificata per Centro.

L'esito primario era il tempo al fallimento del trattamento confermato batteriologicamente o di recidiva della malattia, o morte per tutte le cause, dalla randomizzazione a 12 settimane.

Tra il 2012 e il 2016, 758 partecipanti idonei sono stati assegnati in modo casuale: 370 alla Rifampicina e 388 al placebo.
485 partecipanti ( 64% ) avevano infezione da Staphylococcus aureus acquisita in comunità e 132 ( 17% ) avevano infezione da Staphylococcus aureus nosocomiale.
47 ( 6% ) avevano infezioni resistenti alla Meticillina.
301 partecipanti ( 40% ) presentavano un focus iniziale di infezione profonda.

Gli antibiotici standard sono stati somministrati per 29 giorni; 619 partecipanti ( 82% ) hanno ricevuto Flucloxacillina. 

Alla settimana 12, 62 partecipanti ( 17% ) che hanno ricevuto Rifampicina rispetto a 71 ( 18% ) che hanno ricevuto placebo hanno presentato fallimento del trattamento o recidiva della malattia, o sono deceduti ( differenza assoluta di rischio -1.4%; P=0.81 ).

Dalla randomizzazione a 12 settimane, non sono state osservate evidenze di differenze negli eventi avversi gravi ( P=0.17 ) o di grado 3-4 ( P=0.36 ); tuttavia, 63 partecipanti ( 17% ) al gruppo Rifampicina rispetto a 39 ( 10% ) nel gruppo placebo hanno presentato eventi avversi della terapia antibiotica o modificanti il farmaco di studio ( P=0 .004 ) e 24 ( 6% ) rispetto a 6 ( 2% ) hanno presentato interazioni farmacologiche ( P=0.0005 ).

L'aggiunta di Rifampicina non ha fornito alcun beneficio generale rispetto alla terapia antibiotica standard negli adulti con batteriemia da Staphylococcus aureus. ( Xagena2018 )

Thwaites GE et al, Lancet 2018; 391: 668-678

Inf2018 Farma2018


Indietro