Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Dermabase.it

Sofosbuvir, Ledipasvir, e Ribavirina nella infezione da HCV genotipo 1: il regime a tripla combinazione ha prodotto una SVR12 del 100%


Un regime senza Interferone a base di Sofosbuvir, Ledipasvir, e Ribavirina ha prodotto una risposta virologica sostenuta a 12 settimane ( SVR12 ) del 100% sia per i pazienti naive al trattamento ( mai trattati ) sia per i pazienti con genotipo 1 in precedenza non-responder.

I farmaci antivirali ad azione diretta, che hanno come bersaglio diverse fasi del ciclo di vita del virus della epatite C ( HCV ), hanno inaugurato una nuova era nel trattamento di questa infezione, permettendo una terapia orale che evita l'Interferone e i suoi effetti collaterali.

Sono stati presentati gli ultimi dati dello studio ELECTRON.

In precedenza, lo studio ELECTRON aveva valutato un semplice regime, costituito da Sofosbuvir ( un inibitore della polimerasi di HCV appartenente agli analoghi nucleotidici ), in associazione a 1000-1200 mg di Ribavirina ( dosaggio aggiustato in base al peso ) per 12 settimane nei pazienti non-trattati in precedenza e con genotipo 2 o 3.
Il regime Sofosbuvir e Ribavirina aveva prodotto una risposta del 100% in questi pazienti.

I ricercatori dello studio ELECTRON hanno poi esaminato i pazienti con genotipo 1, sia naive al trattamento sia responder nulli a una precedente terapia a base di Interferone.
Poiché il genotipo 1 è di difficile trattamento, alla associazione Sofosbuvir e Ribavirina è stato aggiunto un secondo farmaco ad azione diretta, Ledipasvir, un inibitore di NS5A.

L'analisi ha incluso 25 pazienti naive al trattamento e 9 responder nulli in precedenza. L'età media dei pazienti era di circa 48 anni.
La maggior parte aveva pattern genetico IL28B non-favorevole.
Oltre l'80% dei pazienti presentava il sottotipo 1a, il più difficile da trattare.
I livelli di HCV RNA al basale erano alti.

Dopo 4 settimane di trattamento, tutti i pazienti naive e tutti i responder nulli con l’eccezione di 1 soggetto, sono andati incontro a risposta virologica rapida.

Al termine delle 12 settimane di terapia, anche il restante responder nullo ha raggiunto la soppressione virale.
Alla fine in entrambi i gruppi i tassi di risposta sono stati del 100%.

Alla 4.a e alla 12.a settimana dopo trattamento, tutti i partecipanti di entrambi i gruppi hanno mantenuto HCV RNA non-rilevabile.

Il regime a tripla combinazione è risultato in genere sicuro e ben tollerato. Gli eventi avversi più comuni sono stati: anemia ( 20% ), depressione ( 8% ) e cefalea ( 4% ). ( Xagena2013 )

Fonte: Conference on Retroviruses and Opportunistic Infections ( CROI ), 2013


Inf2013 Gastro2013 Farma2013


Indietro