Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Studio SISCO: l'analisi ad interim ha mostrato un miglioramento clinico per i pazienti affetti da COVID-19 forma grave, trattati con Siltuximab


Sono stati presentati i primi risultati preliminari dello studio SISCO ( Siltuximab In Serious COVID-19 ) condotto presso l'Ospedale Papa Giovanni XXIII, basati su un'analisi pre-pianificata di dati al 24 marzo 2020.

Siltuximab ( Sylvant ) è un anticorpo monoclonale mirato all'interleuchina 6 ( IL-6 ) approvato dalla Food and Drug Administration ( FDA ) e dall'Agenzia europea per i medicinali ( EMA ) per il trattamento dei pazienti con malattia multicentrica di Castleman ( MCD ) HIV-negativa e HHV-8-negativa ( noto anche come malattia multicentrica di Castleman idiopatica; iMCD ).
Siltuximab è in valutazione per i pazienti affetti da COVID-19 che hanno sviluppato gravi complicanze respiratorie.

I dati provvisori dei primi 21 pazienti trattati con Siltuximab e seguiti per un massimo di 7 giorni, hanno mostrato che un terzo ( 33%, n = 7 ) dei pazienti ha registrato un miglioramento clinico con una ridotta necessità di supporto di ossigeno e il 43% ( n = 9 ) dei pazienti ha visto stabilizzare la propria condizione, indicata da nessun cambiamento clinicamente rilevante.
I dati combinati stanno ad indicare che oltre tre quarti dei pazienti trattati con Siltuximab ( 76%, n = 16 ) presentava una malattia stabile o migliorata in questa analisi intermedia. Un peggioramento della malattia è stato osservato in 3 ( 14% ) pazienti mentre 1 ( 5% ) è deceduto e 1 ( 5% ) ha manifestato un evento cerebrovascolare.

I livelli di proteina C-reattiva ( CRP ), un marcatore di infiammazione sistemica, sono diminuiti dal basale al giorno 5 dopo trattamento con Siltuximab in tutti i pazienti con valori registrati sufficienti ( 100%, 16/16 ).
Questo livello di riduzione è stato mantenuto in quei pazienti ( 100%, 16/16 ) 7 giorni dopo aver ricevuto il trattamento con Siltuximab.
La riduzione di CRP è considerata un valido surrogato per indicare l'efficacia dell'inibizione di IL-6.

La maggioranza ( 90%, 19/21 ) dei pazienti presentava febbre al basale, 13/21 ( 62% ) tosse secca e 15/21 ( 71% ) dispnea.
Pressione parziale di ossigeno ( PaO2 ) nel sangue arterioso rispetto alla percentuale di ossigeno inspirato ( FiO2 ), altrimenti noto come rapporto P/F o funzione polmonare, e IL-6 presentava valori al di fuori degli intervalli normali al basale nella maggior parte dei pazienti con un rapporto mediano P/F di 127 ( esclusi quelli superiori a 300 e indicanti la sindrome da distress respiratorio acuto [ ARDS ] e livelli di IL-6 periferici mediani di 140 pg/mL ( range 113-239 pg/mL ).
La CRP sierica è risultata elevata in tutti i pazienti al basale con una mediana di 23 mg/dL ( intervallo 10-43 mg/dL ).

Lo studio SISCO rappresenta la raccolta e l'analisi dei dati di una serie di pazienti trattati nell'ambito di un protocollo di uso compassionevole di emergenza in corso.
Lo studio sta esaminando due coorti in modo retrospettivo, pazienti ricoverati in ospedale prima dell'ammissione in una Unità di terapia intensiva ( ICU ) o pazienti che già necessitano di terapia intensiva, rispetto ai controlli.

Gli endpoint primari sono la riduzione della necessità di ventilazione invasiva, il tempo trascorso in terapia intensiva o la mortalità a 30 giorni.

Evidenze emergenti suggeriscono che alcuni pazienti con COVID-19 possono rispondere con la sovrapproduzione di IL-6, una citochina infiammatoria, che porta a una tempesta di citochine quando il sistema immunitario diventa iper-stimolato e attacca il corpo stesso del paziente.

Livelli elevati di IL-6 sono associati alla gravità della malattia e possono portare a gravi complicanze polmonari e/o ARDS.
Pertanto, il targeting diretto di questa citochina può migliorare i risultati clinici in questi pazienti critici.

Lo studio SISCO ha arruolato un totale di 25 pazienti con infezione da SARS-CoV-2 confermata ( COVID-19 ) e complicanze respiratorie, di cui vengono presentati dati preliminari dai primi 21 pazienti trattati con Siltuximab.
Tutti i pazienti nello studio sono stati trattati con Siltuximab alla dose di 11 mg/kg infusa nell'arco di 1 ora con una seconda dose possibile a discrezione del medico.
Dei 21 pazienti trattati con Siltuximab, 5 hanno ricevuto una seconda dose ( 5/21; 24% ) 48-72 ore dopo l'infusione iniziale.
La maggior parte dei pazienti era di sesso maschile ( 18/21, 86% ) con età compresa tra 48 e 75 anni.
Le comorbilità maggiormente prevalenti in questo gruppo di pazienti sono state: ipertensione nel 43% ( 9/21 ), malattie cardiovascolari nel 19% ( 4/21 ), diabete mellito nel 24% ( 5/21 ) dei pazienti, rispettivamente. ( Xagena2020 )

Fonte: EUSA Pharma, 2020

Inf2020 Farma2020


Indietro