Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Pneumobase.it

Terapia aggiuntiva con Rosuvastatina per la tubercolosi polmonare sensibile alla Rifampicina


Per la tubercolosi farmacosensibile sono necessari trattamenti più brevi.
L'aggiunta delle statine aggiuntive aumenta l’attività battericida nei modelli preclinici di tubercolosi.
E' stata studiata la sicurezza e l'efficacia della Rosuvastatina ( Crestor ) aggiuntiva nelle persone affette da tubercolosi.

È stata testata l'ipotesi che la Rosuvastatina aggiuntiva acceleri la conversione della coltura dell'espettorato entro le prime 8 settimane di trattamento della tubercolosi sensibile alla Rifampicina.

Uno studio multicentrico di fase 2b, randomizzato, in aperto, condotto in cinque ospedali o cliniche in tre Paesi con un elevato carico di tubercolosi ( ad esempio, Filippine, Vietnam e Uganda ) ha arruolato partecipanti adulti di età compresa tra 18 e 75 anni con tubercolosi con striscio dell'espettorato o Xpert MTB/RIF positivi, sensibile alla Rifampicina, che avevano ricevuto meno di 7 giorni del precedente trattamento antitubercolare.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 10 mg di Rosuvastatina una volta al giorno per 8 settimane più la terapia standard contro la tubercolosi ( Rifampicina, Isoniazide, Pirazinamide ed Etambutolo; gruppo Rosuvastatina ) o la sola terapia standard contro la tubercolosi ( gruppo di controllo ).

La randomizzazione è stata stratificata in base al sito dello studio, alla storia di diabete e alla co-infezione da HIV. Entrambi i gruppi hanno continuato il trattamento standard fino alla settimana 24.
I campioni di espettorato sono stati raccolti una volta a settimana per le prime 8 settimane dopo la randomizzazione, e poi alle settimane 10, 12 e 24.

L'esito primario di efficacia era il tempo alla conversione della coltura ( TTCC; giorni ) nella coltura liquida entro la settimana 8, valutata nei partecipanti randomizzati che avevano conferma microbiologica di tubercolosi, assumevano almeno una dose di Rosuvastatina e che non mostravano resistenza alla Rifampicina ( popolazione intention to treat modificata [ ITTm ] ), per la quale i gruppi sono stati confrontati con il modello dei rischi proporzionali di Cox.

Il principale esito di sicurezza erano gli eventi avversi di grado 3-5 entro la settimana 24, valutati nella popolazione ITTm, per i quali i gruppi sono stati confrontati con il test esatto di Fisher.
Tutti i partecipanti hanno completato 24 settimane di follow-up.

Nel periodo 2020-2021, 174 partecipanti sono stati selezionati e 137 sono stati assegnati in modo casuale al gruppo Rosuvastatina ( 70 partecipanti ) o al gruppo di controllo ( 67 partecipanti ).

Nella popolazione ITTm di 135 partecipanti, 102 ( 76% ) erano uomini e 33 ( 24% ) erano donne.
Il tempo mediano alla conversione della coltura nei mezzi liquidi è stato di 42 giorni nel gruppo Rosuvastatina ( 68 partecipanti ) e di 42 giorni nel gruppo di controllo ( 67 partecipanti; hazard ratio, HR=1.30; P=0.19 ).

Eventi avversi di grado 3-5 si sono verificati in 6 su 70 ( 9% ) nel gruppo Rosuvastatina ( nessuno è stato considerato correlato a Rosuvastatina ) e 4 su 67 ( 6% ) nel gruppo di controllo ( P=0.75 ).
Non si sono verificati eventi avversi gravi considerati correlati alla Rosuvastatina.

La Rosuvastatina aggiuntiva alla dose di 10 mg una volta al giorno è risultata sicura ma non ha prodotto benefici sostanziali sulla conversione colturale nella popolazione complessiva dello studio.
Studi futuri potrebbero esplorare la sicurezza e l’efficacia di dosi più elevate di Rosuvastatina aggiuntiva. ( Xagena2023 )

Cross GB et al, Lancet Infectious Diseases 2023; 23: 847-855

Inf2023 Farma2023



Indietro