Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Xagena Salute

Trattamento ambulatoriale di COVID-19 e incidenza della condizione post-COVID-19 nell'arco di 10 mesi: studio COVID-OUT


La condizione post-COVID-19 ( nota anche come long COVID ) è una malattia cronica emergente che potenzialmente colpisce milioni di persone.
L’obiettivo dello studio era valutare se il trattamento ambulatoriale del COVID-19 con Metformina, Ivermectina o Fluvoxamina subito dopo l’infezione da SARS-CoV-2 potesse ridurre il rischio di COVID a lungo termine.

È stato condotto uno studio di fase 3 decentralizzato, randomizzato, in quadruplo cieco, a gruppi paralleli ( COVID-OUT ) in 6 Centri negli Stati Uniti.
Sono stati inclusi adulti di età compresa tra 30 e 85 anni con sovrappeso o obesità che avevano avuto sintomi di COVID-19 per meno di 7 giorni e un test PCR o antigene positivo documentato per SARS-CoV-2 entro 3 giorni prima dell'arruolamento.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Metformina più Ivermectina, Metformina più Fluvoxamina, Metformina più placebo, Ivermectina più placebo, Fluvoxamina più placebo o placebo più placebo.
Partecipanti, ricercatori, operatori sanitari e valutatori dei risultati non erano a conoscenza dell'assegnazione del gruppo di studio.

L’esito primario era COVID-19 grave entro il giorno 14 e tali dati sono stati pubblicati in precedenza.
Poiché lo studio è stato condotto in remoto a livello nazionale, il campione primario a priori era un campione intention-to-treat modificato ( mITT ), il che significa che i partecipanti che non avevano ricevuto alcuna dose del trattamento in studio sono stati esclusi.

La diagnosi di long COVID da parte di un medico era un esito secondario prespecificato a lungo termine.

Tra dicembre 2020 e gennaio 2022, 6.602 persone sono state valutate per l'idoneità e 1.431 sono state arruolate e assegnate in modo casuale.

Dei 1.323 partecipanti che hanno ricevuto una dose del trattamento in studio e sono stati inclusi nella popolazione modificata intention-to-treat, 1.126 hanno acconsentito al follow-up a lungo termine e hanno completato almeno un sondaggio dopo la valutazione per long COVID al giorno 180 ( 564 hanno ricevuto Metformina e 562 hanno ricevuto un placebo abbinato; anche un sottogruppo di partecipanti allo studio Metformina vs placebo è stato assegnato in modo casuale a ricevere Ivermectina o Fluvoxamina ).

In tutto 1.074 dei 1.126 partecipanti ( 95% ) hanno completato almeno 9 mesi di follow-up. Dei 1.126 partecipanti, 632 ( 56.1% ) erano donne e 494 ( 43.9% ) uomini; 44 donne su 632 ( 7.0% ) erano incinte.

L'età media era di 45 anni e l'indice di massa corporea ( BMI ) mediano era di 29.8 kg/m2. Complessivamente, 93 dei 1.126 partecipanti ( 8.3% ) hanno riferito di aver ricevuto una diagnosi di long COVID entro il giorno 300.

L’incidenza cumulativa di long COVID entro il giorno 300 è stata del 6.3% nei partecipanti che hanno ricevuto Metformina e del 10.4% in quelli che hanno ricevuto placebo di Metformina ( hazard ratio, HR 0.59; P=0.012 ).
L’effetto benefico della Metformina è risultato coerente nei sottogruppi prespecificati.

Quando la Metformina veniva somministrata entro 3 giorni dall'insorgenza dei sintomi, l'hazard ratio era 0.37.
Non è stato riscontrato alcun effetto sull’incidenza cumulativa di long COVID con Ivermectina ( HR 0.99 ) o Fluvoxamina ( 1.36 ) rispetto al placebo.

Il trattamento ambulatoriale con Metformina ha ridotto l’incidenza di COVID a lungo termine di circa il 41%, con una riduzione assoluta del 4.1%, rispetto al placebo.

La Metformina presenta benefici clinici se utilizzata come trattamento ambulatoriale per COVID-19, ed è disponibile a livello globale, a basso costo e sicura. ( Xagena2023 )

Bramante CT et al, Lancet Infectious Diseases 2023; 23: 1119-1129

Inf2023 Farma2023



Indietro