GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Trattamento dell'infezione da HIV: Nevirapina


La Nevirapina (Viramune) è un inibitore specifico della trascrittasi inversa del virus HIV-1.
E’ stato il primo inibitore della trascrittasi inversa non-nucleotidico ad essere approvato nel trattamento delle persone affette da AIDS.
La Nevirapina inibisce la replicazione di ceppi di HIV-1. Non ha alcuna attività nei confronti delle DNA Polimerasi endogene nell’uomo.
La Nevirapina è rapidamente e quasi completamente assorbita dopo somministrazione per os, e presenta una lunga emivita-plasmatica.
Nel fegato il farmaco è metabolizzato dagli isoenzimi del Citocromo P450. La Nevirapina somministrata in una singola dose ad una donna in gravidanza al momento del parto e al neonato appena dopo la nascita, ha ridotto l’incidenza di trasmissione del virus HIV dalla madre al nascituro del 47%.
La Nevirapina è risultata molto più efficace dei regimi terapeutici a base di Zidovudina nella prevenzione della trasmissione del virus HIV nel momento del parto. La Nevirapina può essere associata a Zidovudina, Didanosina o Lamivudina nel trattamento dell’infezione HIV-1 nei bambini. L’effetto indesiderato più comune del farmaco è l’eruzione cutanea, che occasionalmente si sviluppa nella sindrome di Stevens-Jonhson.
La Nevirapina può talvolta produrre innalzamenti degli enzimi epatici.Xagena 2000

Bardsley- Elliot A et al, Paediatr Drugs 2000;2: 373-407


Indietro