Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it
Ematobase.it

Trattamento di gravi deficit neurologici con deplezione di IgG mediante immunoassorbimento in pazienti con sindrome emolitico-uremica associata a Escherichia coli O104:H4


Nel maggio 2011, un’epidemia di Escherichia coli O104:H4 enteroemorragico che produce la tossina Shiga nel Nord della Germania ha portato a un’ampia proporzione di pazienti con sviluppo di sindrome emolitico-uremica post-enterite e microangiopatia trombotica risultata non-responsiva a sostituzione terapeutica del plasma o all’anticorpo che blocca la porzione terminale della cascata del complemento ( Eculizumab [ Soliris ] ).

Alcuni pazienti hanno avuto bisogno di supporto ventilatorio a causa di gravi complicanze neurologiche, insorte una settimana dopo il manifestarsi di enterite, suggerendo un meccanismo mediato da anticorpi.

È stato dunque condotto uno studio per valutare l’immunoassorbimento come terapia di salvataggio.

Nello studio prospettico e non-controllato sono stati arruolati pazienti con gravi sintomi neurologici e infezione recente confermata da E coli O104:H4 senza altre infezioni batteriche acute o aumento delle concentrazioni di procalcitonina.

È stata effettuata una procedura di immunoassorbimento di IgG di 12 L di volumi plasmatici in 2 giorni consecutivi, seguiti da sostituzione di IgG ( 0.5 g/kg di IgG per via endovenosa ).

Sono stati arruolati 12 pazienti presentatisi inizialmente con enterite e successiva insufficienza renale; di questi, 10 ( 83% ) hanno avuto bisogno di terapia di sostituzione renale con una mediana di 8.0 giorni ( intervallo 5-12 ).

Complicazioni neurologiche ( delirio, mioclono stimolo-sensibile, afasia e crisi epilettiche nel 50% dei pazienti ) si sono manifestate a una mediana di 8.0 giorni ( intervallo 5-15 ) e ventilazione meccanica controllata in 9 pazienti.

I punteggi di sintomi neurologici compositi sono aumentati nei 3 giorni precedenti all’immunoassorbimento a 3.0 ( p=0.038 ) e sono migliorati a 1.0 ( p=0.0006 ) 3 giorni dopo l’immunoassorbimento.

Nei pazienti non-intubati, il miglioramento è risultato apparente durante l’immunoassorbimento ( scomparsa dell’afasia ).

Cinque pazienti intubati sono stati liberati dall’intubazione entro 48 ore, 2 entro 4 giorni e 2 pazienti hanno avuto bisogno di ventilazione continuata per problemi respiratori.

Tutti e 12 i pazienti sono sopravvissuti e 10 hanno recuperato la completa funzione neurologica e renale.

In conclusione, gli anticorpi sono probabilmente coinvolti nella patogenesi dei sintomi neurologici gravi in pazienti con sindrome emolitico-uremica indotta da Escherichia coli O104:H4.
L’immunoassorbimento può essere utilizzato in modo sicuro per migliorare rapidamente queste gravi complicanze neurologiche. ( Xagena2011 )

Greinacher A et al, Lancet 2011; 378: 1166-1173



Inf2011



Indietro