Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Trattamento precoce con Baloxavir marboxil nei pazienti ambulatoriali adolescenti e adulti ad alto rischio con influenza non-complicata: studio CAPSTONE-2


Baloxavir marboxil ( Baloxavir; Xofluza ), un inibitore selettivo dell'endonucleasi dipendente dalla capsula virale, è stato approvato nel 2018 negli Stati Uniti e in Giappone per il trattamento dell'influenza non-complicata in individui altrimenti sani di età pari o superiore a 12 anni.
È stata studiata l'efficacia di Baloxavir nei pazienti ambulatoriali ad alto rischio di sviluppare complicanze associate all'influenza.

È stato condotto uno studio in doppio cieco, controllato con placebo e controllato con Oseltamivir nei pazienti ambulatoriali di età pari o superiore a 12 anni in 551 siti in 17 Paesi e territori.
I pazienti idonei avevano una malattia simil-influenzale diagnosticata clinicamente, almeno un fattore di rischio per complicanze associate all'influenza ( ad esempio età superiore a 65 anni ) e una durata dei sintomi inferiore a 48 ore.

I pazienti sono stati stratificati in base al punteggio dei sintomi al basale ( 14 o meno vs 15 o più ), sintomi preesistenti e peggiorati all'esordio della malattia rispetto alla pre-influenza ( sì o no ), regione ( Asia, Nord America ed Europa o emisfero meridionale ) e peso ( inferiore a 80 kg vs maggiore o uguale a 80 kg ) e sono stati assegnati in modo casuale a una singola dose di Baloxavir basata sul peso ( 40 mg per pazienti con peso inferiore a 80 kg e 80 mg per pazienti con peso maggiore o uguale a 80 kg; gruppo Baloxavir ), Oseltamivir 75 mg due volte al giorno per 5 giorni ( gruppo Oseltamivir ) oppure placebo ( gruppo placebo ).

L'endpoint primario era il tempo al miglioramento dei sintomi dell'influenza ( TTIIS ) nella popolazione intent-to-treat modificata, che includeva tutti i pazienti che avevano ricevuto almeno una dose del farmaco in studio e avevano infezione da virus influenzale confermata dalla RT-PCR.
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.

Sono stati arruolati 2.184 pazienti dal 2017 al 2018 e sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Baloxavir ( n=730 ), placebo ( n=729 ) o Oseltamivir ( n=725 ).
La popolazione intent-to-treat modificata ha incluso 1.163 pazienti: 388 nel gruppo Baloxavir, 386 nel gruppo placebo e 389 nel gruppo Oseltamivir.

In tutto 557 pazienti su 1.163 ( 48% ) avevano l'influenza A H3N2, 484 ( 42% ) avevano l'influenza B, 80 ( 7% ) avevano l'influenza A H1N1, 14 avevano un'infezione mista e 28 avevano infezioni da virus non-tipizzabili.

Il tempo mediano al miglioramento dei sintomi influenzali è stato più breve nel gruppo Baloxavir ( 73.2 ore ) rispetto al gruppo placebo ( 102.3 ore; differenza 29.1 ore; P minore di 0.0001 ).
Il tempo TTIIS mediano nel gruppo Oseltamivir è stato di 81.0 ore, con una differenza rispetto al gruppo Baloxavir di 7.7 ore.

Gli eventi avversi sono stati riportati in 183 pazienti su 730 ( 25% ) nel gruppo Baloxavir, 216 su 727 ( 30% ) nel gruppo placebo e 202 su 721 ( 28% ) nel gruppo Oseltamivir.
Eventi avversi gravi sono stati riscontrati in 5 pazienti nel gruppo Baloxavir, 9 pazienti nel gruppo placebo e 8 pazienti nel gruppo Oseltamivir; un caso ciascuno di ipertensione e nausea nel gruppo placebo e 2 casi di aumento delle transaminasi nel gruppo Oseltamivir sono stati considerati correlati al trattamento.

Varianti della proteina acida della polimerasi con sostituzioni Ile38Thr, Ile38Met o Ile38Asn che conferiscono una ridotta sensibilità a Baloxavir sono emerse in 15 su 290 ( 5% ) destinatari di Baloxavir valutati per sostituzioni di amminoacidi nel virus.

In conclusione, Baloxavir monodose ha un'efficacia superiore al placebo e un'efficacia simile a Oseltamivir per il miglioramento dei sintomi dell'influenza nei pazienti ambulatoriali ad alto rischio.
La sicurezza di Baloxavir è risultata paragonabile al placebo.
Lo studio supporta la terapia precoce per i pazienti ad alto rischio di complicanze dell'influenza per accelerare il recupero clinico e ridurre le complicanze. ( Xagena2020 )

Ison MG et al, Lancet Infectious Disease 2020; 20: 1204-1214

Inf2020 Farma2020


Indietro